Formula 1Gran Premio Italia

GP Italia, anteprima: il circuito, il meteo

La Formula 1 torna a Monza, con la marea rossa di nuovo sugli spalti. Nell’attesa del grande evento, ecco il meteo e Pirelli

GP Italia, round 16. Si torna a Monza per una nuova prova del mondiale 2022. Attesa la Ferrari e la grande marea Rossa

Formula 1 Pirelli GP Italia, anteprima. Un’attesa molto lunga, e un countdown che sembrava non finire mai. Ma finalmente possiamo dire ci siamo! Questa è una delle settimane più attese della stagione di Formula 1, che ci porta al weekend del GP Italia.

L’Autodromo Nazionale di Monza, conosciuto come il Tempio della velocità, per via dei suoi tanti rettilinei, e l’alta velocità che le vetture raggiungono, è una delle piste più attese e amate. Piloti e appassionati, ogni anno non vedono l’ora di tornare e assaporare l’atmosfera unica, fatta di adrenalina, emozioni a non finire. Quest’anno oltretutto, l’Autodromo compie 100 anni, un compleanno speciale, che sarà festeggiato con tante iniziative ed eventi organizzati, in pista e anche fuori.

Dopo due anni a causa della pandemia di coronavirus, il weekend che vivremo, vedrà il ritorno del pubblico e tribune più piene (rispetto al 2021). Già all’apertura delle vendite dei biglietti, in poco tempo si è registrato il tutto esaurito, e tuttora c’è qualche biglietto disponibile.

Il GP Italia, è la gara di casa della Scuderia Ferrari, che per l’occasione avrà un nuovo look, anche per celebrare i 75 anni. La stagione 2022, ha visto la Ferrari tornare competitiva e veloce, con tanto di vittorie nella prima parte di campionato. Nella seconda parte di stagione, situazioni non proprio felici, tra risultati non positivi, a seguito di disastri, errori e strategie non favorevoli. Tutto ciò, sta rendendo più difficile la corsa verso l’iride, anche per quanto riguarda il campionato piloti, con Charles Leclerc.

Tuttavia, la passione per la Ferrari è molto forte, e di sicuro non mancherà la grande marea Rossa, pronta a tifare e spingere il team verso un risultato più bello. Tifosi del Cavallino Rampante, molti capitanati dalle Scuderia Ferrari Club e dal grande Cuore Rosso.

L’ultima vittoria della Ferrari a Monza, risale al 2019 con Charles Leclerc. Quest’anno, la Ferrari può contare su una vettura più competitiva rispetto al 2020 e 2021, vincitrice di quattro Gran Premi: tre con Charles Leclerc e una con Carlos Sainz. Ultimamente le cose sembrano remare contro il team e i piloti, tra errori, difficoltà a livello di prestazioni, strategie, ecc. Le caratteristiche del tracciato, sembra non essere idonea alla F1-75, ma la vettura ha spesso dimostrato di non temere alcuna pista, e di potersela giocare con le rivali. A Monza tra l’altro tutto può succedere, e chissà che le cose possano andare bene per la Ferrari e per i piloti, Charles Leclerc e Carlos Sainz, a loro volta pronti a dare il tutto e per tutto, per la gioia dei tanti Tifosi che saranno presenti. Vedremo…

Il campionato e la corsa verso il titolo 2022, fin dalle prime gare ha visto nascere una sfida tra Red Bull e Ferrari. La Red Bull e soprattutto Max Verstappen, stanno dimostrando una supremazia, velocità e competitività, che li stanno spingendo sempre più verso la conquista del titolo, il secondo consecutivo per l’olandese, autore della vittoria a Zandvoort. Le caratteristiche di Monza, sembrano adatte alla velocissima RB18, e sarà di sicuro la favorita per la vittoria. Vedremo se anche Sergio Perez, saprà far bene.

Attenzione a una possibile sorpresa, targata Mercedes. Le ultime gare, stanno mostrando di avere una vettura migliore rispetto alla prima parte di stagione, così come di poter finire spesso sul podio. Mercedes ha spesso vinto a Monza, e chissà che non riescano a stupirci in questo weekend? Di sicuro i piloti, Lewis Hamilton e George Russell, galvanizzati da un miglior feeling con la vettura, non vedono l’ora di scendere in pista a caccia della prima vittoria stagionale.

L’ultima di Seb

Monza e il GP Italia 2022, vedrà per l’ultima volta la partecipazione di Sebastian Vettel, pilota dell’Aston Martin in procinto di ritirarsi a fine stagione e chiudere la sua lunga e brillante carriera in Formula 1, caratterizzata da successi, e 4 titoli iridati vinti nei suoi anni trascorsi in Red Bull. A Monza, Seb ha ottenuto la sua prima vittoria in Formula 1 nel 2008 al volante della Toro Rosso, e in altre occasioni è riuscito a salire sul gradino più alto del podio. Ha trascorso molti anni in Italia, anche da pilota della Ferrari.

Sarà un weekend speciale e ricco di emozioni per Sebastian Vettel e per i tanti tifosi italiani, suoi sostenitori, così come per gli appassionati. Un’occasione unica di vederlo percorrere per l’ultima volta il tracciato al volante della sua Aston Martin, e salutarlo. La stagione 2022, per Vettel non è molto entusiasmante, tra sfortune e una vettura non all’altezza del suo talento. Ciò nonostante, sappiamo che il pilota tedesco è uno che non molla facilmente, e di sicuro vorrà salutare alla grande, Monza e i tifosi italiani.

Il GP Italia, è la gara di casa anche per l’AlphaTauri, avendo sede a Faenza, e nel 2020 ha vinto il Gran Premio con Pierre Gasly. Gara di casa anche per le altre Scuderie motorizzate Ferrari, come Alfa Romeo e Haas. Non ci saranno piloti italiani sulla griglia di partenza, dopo l’uscita di scena di Antonio Giovinazzi a fine 2021. Tuttavia, il pilota di Martina Franca sarà presente nel weekend, essendo test driver della Ferrari, e venerdì durante le prove libere scenderà in pista al volante della Haas.

L’edizione del 2021, è stata vinta dalla McLaren con Daniel Riccardo. Un ritorno alla vittoria da parte del team di Woking dopo un lungo digiuno, così come per il pilota australiano. La stagione 2022, non si è rivelata buona per il team, e soprattutto per Daniel Ricciardo, in evidente difficoltà con la vettura. A fine anno, ci sarà il divorzio tra il pilota e il team britannico, dopo due anni di collaborazione. Non si sa quale sarà il futuro del 33enne, che di sicuro farà il possibile per ottenere un buon risultato.

Come sempre, il Formula 1 Pirelli Gran Premio d’Italia 2022 sarà da seguire e da vivere appieno fin dalle prove libere. Sono tante le sfide altrettante interessanti. In passato e anche negli ultimi anni, Monza ha spesso regalato sorprese e colpi di scena, pertanto non perdetevi l’appuntamento con la Formula 1 e le celebrazioni per il centenario dell’Autodromo.

Autodromo Nazionale di Monza

L’Autodromo Nazionale di Monza, situato all’interno del Parco Reale di Monza, è tra i circuiti più storici. Ospita la Formula 1 e il GP Italia dal 1950 (tranne nel 1980), e date le caratteristiche è considerato il tracciato più veloce, per la presenza di tanti e lunghi rettilinei e le poche volte in cui si usa il freno: per questo è conosciuto come il ‘Tempio della velocità’. Il tracciato è lungo 5.793 m, i giri da percorrere sono 53 per una distanza di gara di 306,720 km e in senso orario.

GP Italia, anteprima: Il circuito, il meteo
Credits: Pirelli, press media

Per affrontare al meglio questa pista, conta il motore, una buona trazione ed un ottimo set-up, sperando di tagliare il traguardo da vincitore e festeggiare sul caratteristico podio circolare posto al di sopra del rettilineo principale e orientato verso il pubblico e i tanti tifosi che solitamente affollano il tratto di pista ad applaudire e far festa insieme ai piloti.

DRS

Come di consueto, la FIA, ha reso nota le zone dove sarà possibile attivare e sfruttare il sistema DRS. Saranno ben due le zone DRS sul circuito brianzolo.

  1. la prima, sul rettilineo principale;
  2. la seconda, nel rettilineo che dalla Lesmo 2 porta all’Ascari.

Le zone, avranno due punti di attivazioni: il primo sarà posizionato prima della Parabolica, il secondo tra la Lesmo 1 e 2.

GP Italia, anteprima: Il circuito, il meteo
Credits: Pirelli, press area

Pirelli: C2, C3, C4

Il GP Italia 2022, sarà un evento unico, durante il quale si festeggeranno i 100 anni del Tempio della Velocità, ma anche i 150 anni di Pirelli. È a tutti gli effetti, la gara di casa per il Costruttore di pneumatici, che si prepara ad affrontare, portando le tre mescole centrali della gamma: C2 P Zero White hard, C3 P Zero Yellow medium e C4 P Zero Red soft.

Monza, soprannominato il Tempio della velocità, è noto per i suoi rettilinei che richiedono un basso carico aerodinamico, per ridurre la resistenza aerodinamica e massimizzare la velocità in rettilineo. Importantissimo sarà un buon grip meccanico.

Una vera e propria sfida, considerando le caratteristiche delle nuove monoposto e dei nuovi pneumatici da 18 pollici. Viste le curve lente di Monza, sarà importante eliminare la naturale tendenza al sottosterzo delle vetture, e dotarle di un posteriore forte, fondamentale per ottenere un equilibrio perfetto sui tratti veloci. Sarà altrettanto importante, avere una buona trazione, che garantisca un miglior passaggio dalle zone più lente e più tecniche della pista, ai rettilinei da percorrere a velocità massima, caratteristica unica del tracciato, insieme ai cordoli sulle chicane. In quel punto, non mancheranno la ‘danza sui cordoli’, con le vetture che saltellano all’interno delle chicane. Altro fattore da tenere in considerazione, è l’impianto frenante.

GP Italia, anteprima: Il circuito, il meteo
Credits: Pirelli, press area

Isola: “Approccio strategico diverso”

Mario Isola ha così dichiarato, per l’anteprima del GP Italia: “Un evento importante per noi, festeggiamo 150 anni di storia con il Gran Premio di casa, nello stesso anno in cui Monza celebra il suo primo secolo. Non vediamo l’ora di partecipare a questa grande festa per il motorsport. Siamo orgogliosi che le monoposto più sofisticate ed efficienti della storia della Formula 1, montino pneumatici Pirelli“.

Infine, una considerazione sul weekend che si appresta a iniziare: “L’Autodromo di Monza è noto per le velocità elevate con alcune curve in particolare, dove è importante che la vettura abbia un equilibrio perfetto. I pneumatici di quest’anno, dovrebbero subire un minore surriscaldamento al posteriore in un circuito in cui le monoposto corrono con un basso carico aerodinamico, sfruttando l’effetto scia di chi è davanti. A differenza della passata stagione inoltre, non ci sarà il formato Sprint e i team arriveranno al gran premio con un po’ meno informazioni rispetto all’ultima volta. L’approccio strategico sarà un po’ diverso“.

CHE TEMPO FARA’?

Come di consueto, siamo andati a controllare le previsioni meteo per il weekend del GP Italia 2022. Secondo l’ultimo bollettino meteo, nel weekend è attesa la pioggia, ma anche sole e bel tempo. Domenica, in occasione della gara non dovrebbe esserci la pioggia, anche in caso di presenza di nuvole in cielo. Temperature non troppo elevate, massimo sui 26°C.

Tuttavia, per sicurezza è sempre buona norma tenere sotto controllo il meteo, onde evitare spiacevoli sorprese, sia da parte dei team nella preparazione per il Gran Premio, con l’elaborazione della strategia, sia da parte del pubblico presente in Autodromo.

Qui in anteprima, le previsioni meteo per il Formula 1 Pirelli Gran Premio d’Italia 2022:

Venerdì 09 settembre 2022

Temperature: max 26°C, min 18°C; Cieli molto nuvolosi o coperti al mattino con probabilità di piogge e rovesci, anche temporaleschi. Più sereno nel pomeriggio e in serata. Probabilità di pioggia al 3%, umidità al 66%. Vento atteso tra 5 e 9 km/h.

Sabato 10 settembre 2022

Temperature: max 26°C, min 18°C; Giornata prevalentemente poco nuvolosa, salvo presenza di nubi sparse al mattino, con tendenza a schiarite nel prosieguo della giornata. Probabilità di pioggia al 5%, umidità al 63%. Vento atteso tra 5 e 8 km/h

Domenica 11 settembre 2022

Temperature: max 25°C, min 17°C; Giornata parzialmente soleggiata, con qualche presenza di nubi al mattino. Cielo sereno o poco nuvoloso, in occasione della gara. Sono previste precipitazioni nella notte; Probabilità di pioggia al 1%, umidità al 64%. Vento atteso tra 4 e 7 km/h

Giorgia Meneghetti

Mi chiamo Giorgia, nata nel 1986, e residente a Fermo nelle Marche. Diplomata in Perito del Turismo, e con ottime conoscenze di lingue straniere: Inglese, Francese, Spagnolo. La Formula 1 è una delle mie più grandi passioni, che seguo dal 1998. I suoi protagonisti: piloti, monoposto, team mi hanno letteralmente stregata, tanto da spingermi a scrivere, raccontarla e viverla attivamente, sognando e sperando di poter un giorno incontrarli, e diventarne parte, e magari un lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio