Formula 1Gran Premio Monaco

Ferrari, sono ancora molti i dubbi sull’esito del ricorso

Ha lasciato l’amaro in bocca la risposta della FIA al reclamo della Rossa, soprattutto a causa delle decisioni passate

Il noto giornalista sportivo, Roberto Chinchero, ha commentato la discussa decisione della Federazione in merito al reclamo presentato dagli uomini di Mattia Binotto

Il messicano della Red Bull, Sergio Perez, ha vinto il Gran Premio di Monaco, mentre il campione del mondo Max Verstappen ha concluso la convulsa gara in P3, conquistando in modo clamoroso punti iridati alla Ferrari. Tuttavia, la delusione – mista a rabbia – dei ferraristi non è legata solamente alla debacle avuta in pista, ma anche al risultato del reclamo presentato alla FIA.

Entrambi i piloti di Milton Keynes, subito dopo la sosta ai box, hanno toccato la linea gialla che delimita l’uscita dalla pit lane. Si tratta di una manovra che in passato è stata sanzionata, trattandosi di un potenziale intralcio alle vetture in arrivo. La direzione di gara ha dato esito negativo al ricorso ferrarista, non trovando, a detta loro, riscontro con le violazioni previste dal Codice Sportivo.

Inutile sottolineare tutta la frustrazione di Mattia Binotto, giustificata anche dalle parole di Roberto Chinchero.

I dubbi sull’esito del ricorso Ferrari

Il giornalista italiano, parlando a Motorsport.com, ha ricordato come “sia Max Verstappen che Sergio Perez hanno toccato la linea gialla uscendo dalla pit lane. I due piloti Red Bull hanno fatto una manovra che in passato è stata sanzionata”. Nonostante ciò, la FIA non ha nemmeno aperto un’investigazione, analizzando il caso solamente a seguito della protesta della Ferrari.

“La decisione è scandalosa”, ha ammesso senza mezzi termini Chinchero. “La RB18 non ha tagliato la linea gialla con tutte le ruote, quindi, gli steward non hanno rilevato alcuna violazione. Si tratta però di un giudizio che contraddice le sentenze precedenti.

Nonostante ciò, secondo la voce di Sky Sport F1 è stata la Ferrari stessa a perdere il Gran Premio di Monaco. Le chiamate errate ai box hanno mandato al macero la potenziale vittoria di Charles Leclerc, autore di una splendida pole position. Vittoria che facilmente sarebbe diventata una doppietta, importantissima in ottica Campionato, alla luce del P2 di Carlos Sainz.

Amedeo Barbagallo

Studente catanese di Filosofia con la passione per la scrittura, l’arbitraggio e la Formula 1. Autore del libro "I ragazzi che salvarono il mondo" (Santelli, 2020).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.