Formula 1Gran Premio Monaco

GP Monaco: ordine d’arrivo in bilico fino all’ultimo giro

Red Bull e Ferrari, un duello fino all’ultima curva

GP Monaco, ordine d’arrivo: bene le Red Bull, Leclerc paga un errore di strategia

Il GP di Monaco si conclude dopo 64 giri al raggiungimento delle due ore previste per lo svolgimento della gara. Allo scadere del tempo, taglia il traguardo la Red Bull di Perez davanti alla Ferrari di Carlos Sainz e del compagno di squadra Max Verstappen. Un doppio podio per la Red Bull che allunga il proprio vantaggio sulla scuderia del Cavallino e il vantaggio di Max sale a 9 punti rispetto al rivale Ferrarista. Leclerc giù dal podio per un errore di strategia del team, dopo un weekend fenomenale che l’ha visto partire dalla pole position del gran premio di casa, ma che l’ha fatto finire in quarta posizione a causa di un cambio gomme fatto al momento sbagliato.

Russel conferma il feeling con la sua Mercedes rispetto a Hamilton

Si piazza alle spalle di Red Bull e le Ferrari la Mercedes con George Russel, che mantiene il proprio vantaggio sul sette volte campione del mondo. Anche nel gran premio di oggi, il numero 44 si classifica alle spalle del compagno di squadra chiudendo all’ottavo posto, dopo Norris e Alonso. Buone le performance di McLaren che vede un costante miglioramento con Lando; purtroppo il feeling con la macchina sembra non essere lo stesso per il compagno di squadra che non riesce ad andare a punti con il tredicesimo piazzamento. Bottas taglia il traguardo alle spalle dell’ex compagno di team.

Una domenica sfortunata per la Haas

Dopo il ritiro di Kevin Magnussen, l’incredibile incidente di Mick Schumacher ha azzerato completamente i punti per la Haas. Un fine settimana decisamente sfortunato.

GP Monaco: ordine d’arrivo

1) Cecho Perez
2) Carlos Sainz
3) Max Verstappen
4) Charles Leclerc
5) George Russel
6) Lando Norris
7) Fernando Alonso
8) Lewis Hamilton
9) Valtteri Bottas
10) Sebastian Vettel
11) Pierre Gasly
12) Esteban Ocon
13) Daniel Ricciardo
14) Lance Stroll
15) Nicholas Latifi
16) Guanyu Zhou
17) Yuki Tzunoda

Ritirati: Albon, Shumacher, Magnussen.

Laura Bonacina

Precisamente e irrimediabilmente disordinata, ma assolutamente orientata nel mio marasma. Decisamente drogata di marketing, ma anche con i motori non scherzo. Ferrarista dalla nascita con un cuore nero azzurro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.