Formula 1Gran Premio Arabia Saudita

GP Arabia Saudita: l’ordine d’arrivo a Jeddah

Nella seconda gara della stagione è andata in scena la solita supremazia targata Red Bull, ma oggi l’osservato speciale è stato il debutto di Bearman

A Jeddah è andata in scena la solita supremazia targata Red Bull e l’ottimo debutto di Bearman

La seconda gara della stagione vede la solita dominazione del team di Milton Keynes che fa doppietta. L’ultimo gradino del podio se l’è aggiudicato Charles Leclerc, che così ha ottenuto il primo podio stagionale. Il monegasco è riuscito anche a strappare il giro veloce dalle grinfie di Lewis Hamilton. Anche Max Verstappen ha provato a ottenere il punto addizionale, ma stavolta nulla di fatto. Ai piedi del podio troviamo Oscar Piastri, seguito da Fernando Alonso e George Russell. Ma c’è una particolarità nell’ordine d’arrivo del GP dell’Arabia Saudita ed è il debutto di un giovane britannico.

Oggi infatti gli occhi erano tutti puntati su Oliver Bearman, chiamato a sostituire Carlos Sainz, fermato da un’appendicite. Un ottimo debutto, che non solo l’ha visto conquistare la settima posizione, ma è anche riuscito a tenere a bada Lando Norris e un sette volte campione del mondo del calibro di Lewis Hamilton. Ciò gli è valso infatti, anche la nomina di Driver of the Day. Neanche una partenza non brillante ne ha offuscato la prestazione super. Sicuramente un esordio del genere non se lo dimenticherà tanto facilmente. Ollie infatti ha riscritto la storia. Non solo è il pilota più giovane nella storia Ferrari ad aver disputato una gara di Formula 1, ma occupa anche il terzo posto nella classifica generale degli esordienti più giovani.

GP Arabia Saudita: l’ordine d’arrivo

  1. Max Verstappen (Red Bull);
  2. Sergio Perez (Red Bull);
  3. Charles Leclerc (Ferrari);
  4. Oscar Piastri (McLaren);
  5. Fernando Alonso (Aston Martin);
  6. George Russell (Mercedes);
  7. Oliver Bearman (Ferrari);
  8. Lando Norris (McLaren);
  9. Lewis Hamilton (Mercedes);
  10. Nico Hulkenberg (Haas);
  11. Kevin Magnussen (Haas);
  12. Alex Albon (Williams);
  13. Esteban Ocon (Alpine);
  14. Yuki Tsunoda (Visa Cash App);
  15. Logan Sargeant (Williams);
  16. Daniel Ricciardo (Visa Cash App);
  17. Valtteri Bottas (Kick Sauber);
  18. Zhou Guanyu (Kick Sauber).

Ritirati: Lance Stroll (Aston Martin) e Pierre Gasly (Alpine).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio