DichiarazioniFormula 1

Wolff: “Pure io presente al tavolo (ipotetico) con Russell e Red Bull”

Continua a tenere banco la questione Russell-Mercedes. L’inglese non chiude la porta a nessuno, ma il team principal austriaco è determinato a non farsi rubare da sotto il naso il giovane talento

A prescindere dalla decisione che verrà presa in merito al sedile in Mercedes, Wolff non si lascerà di certo sfuggire George Russell

Che il pilota di King’s Lynn possa approdare a Brackley nel 2022 è cosa già data per fatta da molti, eppure del tanto decantato annuncio ancora non si è vista l’ombra. In questo limbo di incertezza ci si era messo di mezzo pure Helmut Marko. È senza dubbio uno da tener d’occhio, aveva detto. Con l’inglese che aveva risposto di tener aperta ogni opzione per il futuro. Ora a entrare nella questione è lo stesso Toto Wolff: “Se Russell siederà a parlare con Red Bull, anche io vorrò essere presente a quel tavolo. Così si legge sul quotidiano austriaco Österreich.

SEMBRA COSA CERTA EPPURE QUALCHE DUBBIO C’È

Sia George Russell che Valtteri Bottas vogliono venire a conoscenza del loro futuro il più presto possibile. E di questo il team principal della Mercedes ne è a conoscenza. Ma si tratta di una decisione su cui pesano due condizioni: l’equilibrio interno della squadra e la validità del Junior Programme. Affiancare a Lewis Hamilton un giovane arrembante creerebbe una situazione nuova e “pericolosa”.

Ma lasciare Bottas al suo posto comporterebbe un Russell scontento (potenzialmente alla ricerca di un team che gli dia l’opportunità che merita) e la messa in discussione del programma di cui fa parte. Che senso avrebbe far crescere piloti talentosi se poi non gli si concede un’occasione? Considerando anche che quelli di Stoccarda lo hanno avuto un riscontro quando il classe ’98 si era calato (perfettamente) all’interno della W11 nel GP di Sakhir dello scorso anno.

Sarà Spa il momento in cui verrà comunicata la scelta? E ricadrà davvero su Russell? “Abbiamo deciso di negoziare almeno da Budapest. Stiamo tenendo in considerazione tutte le alternative in caso non dovessi continuare con loro. Potrebbe non essere il momento migliore per cambiare scuderia, ma la situazione è quella che è e cercheremo di sfruttarla al meglio”, le parole del finlandese.

Parole che forse ci danno già una risposta, mentre per il momento Wolff non si sbottona. E sembra davvero che si dovrà aspettare (come minimo) il rientro dalla pausa estiva – GP del Belgio (27-29 agosto) –  per avere più conferme rispetto a quelle a disposizione attualmente.

Silvia Quaresima

Il mio amore per la Formula 1 é sempre stato lì con me, fin da quando ho ricordo delle vittorie di Michael in rosso. Ma con il tempo è cresciuto così tanto che ora c’è voglia di esserne parte e di raccontarla.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.