DichiarazioniFormula 1

Villeneuve: “Ferrari avrebbe potuto essere la Mercedes di oggi”

Secondo il canadese la Ferrari ha pagato a caro prezzo la scelta di lasciar partire alcuni tecnici di livello

Villeneuve non crede che Ferrari possa tornare a vincere già nel 2022

Jacques Villeneuve ritiene che la Ferrari avrebbe potuto essere la Mercedes di oggi, ma ha commesso degli errori. Tra tutti quello di lasciarsi sfuggire alcuni tecnici di primo piano, tra tutti Aldo Costa e James Allison, che hanno poi fatto le fortune della concorrenza. Secondo il canadese, in Ferrari ha prevalso la volontà di comporre una squadra tutta italiana, senza preoccuparsi di avere tra le proprie fila i migliori.

La Ferrari avrebbe potuto essere la Mercedes di oggi, ma hanno lasciato andare tanti ingegneri di talento, forse perchè non erano italiani. E sono finiti tutti lì, a rendere la Mercedes sempre più vincente. Vogliono fare della Ferrari una squadra italiana, ma non credo che questa sia una precondizione per il successo nella Formula 1 moderna. La squadra sta affrontando tempi estremamente difficili e ci vorranno almeno due anni per risalire. La cosa importante è affidarsi alle persone migliori, a prescindere dai costi”, ha tuonato l’ex campione del mondo ai microfoni di Sky Sport.

Nelle ultime settimane la dirigenza della Rossa ha chiesto pazienza, rimandando le ambizioni titolate al 2022, quando vi sarà un nuovo cambio regolamentare. Secondo Jacques Villeneuve, però, è difficile che la Ferrari possa tornare a lottare per il titolo già da quell’annata.

Le modifiche del 2022 riguardano il telaio e l’aerodinamica, non il motore. Per quanto riguarda la Power Unit Mercedes potrà mantenere il vantaggio che ha già. Fino a quando la la F1 rimarrà una formula ibrida per i loro avversari sarà molto difficile riuscire a competere. Ad oggi Mercedes non solo ha la vettura migliore, ma ha anche il miglior pilota con Lewis Hamilton“, ha così concluso l’ex pilota della Williams.

Pubblicità

Danilo Tabbone

Mi chiamo Danilo, ho 20 anni, vengo dalla Sicilia e studio all'Università di Palermo. La Formula 1 è la mia più grande passione, la seguo da quando ero bambino, e le emozioni che mi suscita sono parte integrante della mia personalità. Dal 2020 scrivo per F1world.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button