DichiarazioniFormula 1

Villeneuve afferma che i giovani piloti avranno difficoltà

Il figlio del leggendario Gilles Villeneuve dichiara che questa pausa, a causa della pandemia globale, può causare diversi problemi nelle scuderie aventi i giovani piloti

Jacques Villeneuve ritiene che l’interruzione prolungata della Formula 1 a causa della pandemia di Coronavirus potrebbe rappresentare un problema per i piloti più giovani

L’ultima gara di Formula 1 si è svolta a dicembre del 2019 ad Abu Dhabi e non ce ne sarà un’altra, almeno fino a giugno a causa del Coronavirus che continua a espandersi a macchia d’olio in tutto il mondo. Per Jacques Villeneuve ciò arrecherà danni all’interno delle scuderie aventi come piloti i giovani talenti, perché i tempi di inattività potranno creare dubbi e incertezze. Lo sperimentare di cose nuove, il recuperare sei Gran Premi nella seconda metà della stagione potrebbe essere un fattore di rischio.

“Gli ingegneri sfrutteranno la pausa per lavorare da casa, possono continuare a svolgere perfettamente il loro lavoro, perciò dal loro punto di vista la situazione non cambia molto. Per i piloti invece la situazione non è la stessa. Sono ben organizzati, seppur non si se prenderanno o meno il loro stipendio. Tuttavia, per alcuni, potrebbero esserci alcune novità nel processo decisionale. Quando sei solo per molto tempo, sei portato a riflettere e a pensare troppo. Alcuni potrebbero meditare molto sul loro futuro, in questo grande periodo di pausa, e potrebbero porsi delle domande  dichiara Villeneuve a Sky Sport.

I GIOVANI PILOTI COSI’ NON PERCEPIRANNO PIENAMENTE IL VALORE DEL LORO LAVORO

Non si sa con esattezza quando riprenderà la stagione e, sicuramente, ci saranno cambiamenti fino all’inizio della stessa. I nuovi regolamenti sono rinviati al 2022, per il 2021 quindi dovranno utilizzare lo stesso telaio di questa stagione. Dall’inizio della stagione sarà tutto un divenire, nessuno avrà più tempo, soprattutto i piloti, che dovranno gareggiare una gara dopo l’altra con brevi pause intermedie, anche ad Agosto, non effettuando così la pausa estiva. Questo potrebbe essere un fattore difficile da gestire soprattutto per i giovani, perché non percepiranno pieanamente il valore del lavoro che svolgono afferma Jacques Villeneuve per concludere.

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button