Formula 1

Il personale McLaren è finalmente tornato a casa

Dopo ben 14 giorni di quarantena in Australia, i membri della scuderia britannica possono finalmente ricongiungersi con le proprie famiglie

Nel team McLaren torna un po’ di serenità; i membri confinati in quarantena sono tornati a casa dopo un lungo periodo

Per la Formula 1 e tutti i tifosi questi sono giorni difficili. Dopo l’annuncio del rinvio del Gran Premio di Baku, precedentemente additato come prima gara stagionale, l’inizio del nuovo campionato slitta ulteriormente, lasciando nell’aria numerosi dubbi e perplessità. Ad allietare gli animi e calmare le acque, arriva finalmente una buona notizia: gli uomini McLaren messi in quarantena in Australia sono liberi di tornare a casa.

A poche ore dal GP d’Australia, un membro della McLaren risultato positivo al coronavirus aveva costretto la squadra a ritirarsi dalla gara e a indire una riunione per decidere le sorti delle altre scuderie. In seguito alla sospensione dell’evento, insieme all’infetto, furono confinati in isolamento oltre dieci dipendenti della scuderia inglese. Ad essi, si aggiunsero il team principal Andreas Seidl e il racing director Andrea Stella rimasti in Australia per dare supporto ai propri dipendenti. Ora, a due settimane di distanza da quei fatti, tutti loro possono tornare a casa.

UNA STORIA A LIETO FINE

“Sono molto lieta di annunciare che tutti i membri del team McLaren, che erano confinati in Australia, stanno tornando a casa”, ha riferito una giornalista della BBC F1. “Sono stati giorni difficili lontani da casa, ma ora possono rivedere le loro famiglie e i loro bambini. E’ un periodo strano, la cosa importante in questo momento è stare insieme”.

Dei quindici contagiati, altri sette membri del team erano stati sottoposti a tampone, fortunatamente con esito negativo. Tra gli altri, anche Carlos Sainz Jr. ha rivelato di essersi sottoposto a controlli in via precauzionale. Lo spagnolo, risultato non positivo al COVID-19, ha incoraggiato i propri concittadini a seguire le raccomandazioni sanitarie e le norme imposte dal governo.

Nonostante un periodo non proprio positivo, la squadra di Woking continuerà i piani futuri come da programma: nel 2021 arriveranno le power unit Mercedes a sostituire quelle Renault. Zak Brown, CEO McLaren, ha dichiarato che, coronavirus permettendo, la speranza è di iniziare la stagione in estate.

Pubblicità

Alberto Lanzidei

Mi chiamo Alberto, ho 24 anni e la mia passione sono le automobili. Seguo con attenzione il mondo delle corse e in particolare la Formula 1, massima espressione del motorsport. Sin dall'adolescenza il mondo dell'informazione sportiva attirava la mia curiosità, senza immaginare che un giorno ne sarei entrato a far parte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button