DichiarazioniFormula 1

Vasseur: “Siamo migliorati ma portiamo a casa pochi punti”

In casa Alfa Romeo si guarda alla prima metà del campionato con un certo rammarico, a causa dei risultati ottenuti ritenuti un po’ modesti

Tre i punti conquistati dall’Alfa Romeo finora. Un risultato che non appaga Frédéric Vasseur considerando il buon step evolutivo compiuto dai suoi uomini quest’anno

Tante (anzi quasi tutte) le scuderia capaci di guadagnarsi dei punti in questa prima metà di stagione. La classifica vede ferma a quota zero solo la Haas, ma la prima dei motorizzati Ferrari si trova appena davanti in nona posizione. Una condizione che non soddisfa gli uomini dell’Alfa Romeo Racing guidati da Frédéric Vasseur, che proprio all’Hungaroring si sono visti scavalcare dalla Williams.

UN MIX DI SENTIMENTI CONSTRASTANTI

A detta del team principal francese i risultati ottenuti non rispecchierebbero le potenzialità della C41. “Credo che abbiamo fatto un buon passo avanti in termini di pura performance. Se si guarda il gap dalla pole, penso che fra tutti e dieci i team siamo quelli che maggiormente sono migliorati. E per diverse ragioni. La Ferrari ha fatto un buon lavoro sul lato power unit, e pure il nostro sviluppo sul telaio sta dando i suoi frutti”.

“[ndr. Una situazione che mi provoca] un mix di sensazioni contrastanti. Perché l’obiettivo è portare a casa dei punti, e in questo abbiamo fallito. Avremmo potuto conquistarli in più occasioni, ma per un motivo o per un altro non l’abbiamo fatto. E uno di questi è che sono tante le monoposto che giungono fino al traguardo. Quando in qualifica sei dodicesimo o tredicesimo, alla fine della gara sarai dodicesimo e tredicesimo senza riuscire ad andare a punti”.

Sono appena tre i punti raccolti da quelli di Hinwil, grazie ai decimi posti di Antonio Giovinazzi a Monaco e di Kimi Raikkonen a Baku e a Budapest. Eppure opportunità di raccoglierne degli altri ce ne sono state. Tante le volte in cui uno dei due è arrivato a ridosso della top ten, spesso dietro al compagno di squadra (come nel Principato o sul Mar Caspio).

“Se voglio essere positivo la cosa più importante per il futuro del team è l’ottimo progresso in cui siamo riusciti per la prima volta dopo un po’ di tempo. Gli ultimi due anni sono stati duri, [ndr. anche se] l’anno scorso era dovuto a circostanze esterne. Nonostante ciò restiamo concentrati sui nostri target e continueremo a lavorare per migliorare fino alla fine”, le parole di Vasseur riportate da planetf1.com.

Silvia Quaresima

Il mio amore per la Formula 1 é sempre stato lì con me, fin da quando ho ricordo delle vittorie di Michael in rosso. Ma con il tempo è cresciuto così tanto che ora c’è voglia di esserne parte e di raccontarla.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.