DichiarazioniFormula 1

Ufficiale: Schumacher addio alla Ferrari e va in Mercedes

Il figlio del Kaiser, dopo quattro anni, si allontana dall’accademia della scuderia Rossa

La strada tra la famiglia Schumacher e la Ferrari si divide di nuovo, Mick abbandona l’accademia del Cavallino Rampante e si accasa alla Mercedes. Quali sono le motivazioni di questo addio?

La Ferrari dice addio a Mick Schumacher che, dopo non aver rinnovato il contratto con la Haas, abbandona la scuderia di Maranello. Il figlio del Kaiser, dal 2019, faceva parte dell’accademia riservata dai giovani da parte della Rossa. La squadra italiana, con un comunicato, annuncia che: “La Scuderia Ferrari e Mick Schumacher hanno deciso di comune accordo di non prolungare la loro collaborazione , dopo aver lavorato insieme per quattro anni con Mick nell’ambito della Ferrari Driver Academy“. Mick, dopo esser diventato campione europeo di F3, entra nell’orbita della Rossa, diventando campione Formula 2 nel 2020. La Rossa ringrazia Schumacher e gli augura: “Il meglio per il futuro“.

Una decisione che era già nell’aria, e quindi non figlia del cambio nei vertici della Ferrari. Infatti, durante la stagione, si era già parlato di un addio del tedesco, con Mercedes interessata a firmare il figlio del sette volte campione del mondo. La decisione della Haas di non rinnovare il contratto ha portato alla decisione del giovane pilota.  La Ferrari sperava che Schumacher potesse intraprendere la stessa strada di Leclerc, ma l’esplosione di Carlos Sainz e la poca competitività della Haas hanno fatto in modo che questo non accadesse.

Il ritorno di un Schumacher in Mercedes

La Mercedes, in concomitanza alle dichiarazioni della Ferrari, ha annunciato l’ingaggio di Schumacher come terzo pilota per la stagione 2023. Il figlio del sette volte campione del mondo ha dichiarato che: “Sono lieto di far parte della Mercedes come pilota di riserva per il 2023 e mi impegno a dare il massimo per contribuire a migliorare le loro prestazioni in questo ambiente altamente competitivo e professionale. Sono entusiasta e grato a Toto e a tutte le persone coinvolte per aver creduto in me. La Formula 1 è un mondo affascinante e non si finisce mai di imparare, quindi spero di assorbire più conoscenza e mettere tutti i miei sforzi a beneficio della Mercedes“.

Toto Wolff ha dichiarato che: “Mick è un giovane pilota di grande talento e siamo lieti di averlo nel team. È un gran lavoratore, calmo e metodico, e ha ancora fame di imparare e migliorare come pilota. Queste sono qualità importanti, quindi siamo lieti che abbia aiutateci a sviluppare il W14. Sappiamo anche che, con due anni di esperienza in Formula 1, sarà pronto a saltare in macchina per sostituire Lewis o George  in caso di necessità

La carriera del tedesco

Dopo aver vinto il titolo F2 nel 2020, il giovane Schumacher, debutta in Haas nel 2021. Il suo primo anno nella scuderia americana, al fianco di Nikita Mazepin, è deludente a causa della poca competitività della monoposto. Chiude la stagione con zero punti e come miglior risultato il dodicesimo posto durante il GP d’Ungheria. Il campionato successivo vede il tedesco con K-Magnussen come compagno di squadra, a causa dell’allontanamento di Mazepin. Durante questa stagione la Haas ritrova competitività e Schumacher riesce a conquistare 12 punti. Ma i risultati, rispetto al danese, sono deludenti, portando la scuderia americana a ingaggiare Hulkenberg a discapito del giovane tedesco.

Mattia Peddis

Sono Mattia uno studente di scienze politiche con la passione per la Formula 1 e per la politica. Il mio obbiettivo è quello di trasmettere la mia passione per il Motorsport attraverso la scrittura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button