DichiarazioniFormula 1

Tost: “Con 23 gare nel calendario 2021 siamo davvero al limite”

Franz Tost e Frederic Vasseur hanno commentato lo scenario che vedrà allargare il calendario a 23 appuntamenti

I team principal esprimono dei dubbi sul calendario Formula 1 della prossima stagione. Le 23 gare in programma sono da tutti considerate come un limite da non oltrepassare

La Formula 1 ha provvisoriamente programmato 23 gare per il calendario della prossima stagione, con l’Arabia Saudita che si unirà al Circus per la prima volta. Quello del 2021 sarà a tutti gli effetti il campionato più lungo della storia, che richiederà un impegno gravoso a team e addetti ai lavori.

Osservando il calendario, si nota soprattutto che la seconda parte del campionato è stata sovraccaricata di eventi. Quando la Formula 1 tornerà dalla pausa estiva si troverà infatti ad affrontare una doppia tripletta. Prima Belgio, Paesi Bassi e Italia. Poi, dopo una settimana di pausa, spazio a Russia, Singapore e Giappone. Un vero e proprio autunno caldo, posizionato in una fase cruciale della stagione. Sei appuntamenti potenzialmente decisivi per le sorti del mondiale da vivere tutti in rapida successione.

“Ho osservato il calendario e c’è da essere preoccupati. Si può fare, ma siamo al limite. Un limite assoluto che non può assolutamente essere oltrepassato“, ha detto con chiarezza Franz Tost. Chiaramente un calendario di questo tipo è più penalizzante per i piccoli team, i quali con un personale e uno stock di pezzi di gran lunga inferiore a quelli di Mercedes o Ferrari, si troveranno davanti ad un’autentica maratona.

A fargli eco c’è anche Frederic Vasseur, team principal dell’Alfa Romeo. “Fare 23 gare in 8 mesi sarà davvero tosta. Sarà uno sforzo immane per meccanici e tecnici. Chiaramente, quando sei un piccolo team e hai pochi pezzi di ricambio è tutto molto più difficile. Ma sarà una sfida per tutti“. La logistica sarà ulteriormente complicata anche a causa del Covid-19. Infatti, il virus non è ancora stato debellato, e sul futuro permangono molte incognite. Che riguardano anche i team di Formula 1, alle prese con difficoltà sportive ed economiche.

 

Pubblicità

Danilo Tabbone

Mi chiamo Danilo, ho 20 anni, vengo dalla Sicilia e studio all'Università di Palermo. La Formula 1 è la mia più grande passione, la seguo da quando ero bambino, e le emozioni che mi suscita sono parte integrante della mia personalità. Dal 2020 scrivo per F1world.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.

Utilizziamo servizi di terze parti per analizzare il traffico sul nostro sito e restare in contatto con i nostri visitatori. Vengono quindi trattati dati anonimi di navigazione e altri dati simili per mezzo di cookie, come indicato nelle nostre policy. Accettando l’uso dei cookie ci aiuti ad offrirti un’esperienza migliore con i nostri servizi.