DichiarazioniFormula 1Gran Premio Russia

Sainz esorta a seguire con attenzione la McLaren a Sochi

Lo spagnolo discute di vari temi nella consueta conferenza stampa del giovedì per il GP di Russia. Novità in vista per il team di Woking?

Sainz non fa pronostici per quel che riguarda la gara a Sochi ma chiede di seguire con attenzione la McLaren da domani. Novità in vista?

Fernando Alonso ha affermato oggi che sarebbe fantastico condividere il podio con Carlos Sainz nel 2021. Tale possibilità piacerebbe anche al pilota della McLaren, anche se è consapevole che sarà difficile date le prestazioni mostrate da Mercedes e Red Bull. Per quel che riguarda il fine settimana in Russia, Sainz ha preferito non fare pronostici anche se ha lasciato intendere che la McLaren avrà miglioramenti sostanziali. Il madrileno sarà un pilota Ferrari nel 2021, anno in cui gareggerà contro la Renault di Fernando Alonso. Quanto è reale però, la possibilità di vederli entrambi sul podio?

“Sarebbe bello avere due piloti spagnoli sul podio. Quest’anno vi è molta competitività tra i team di metà griglia e questo rende imprevedibili le cose” analizza Sainz in una conferenza stampa per un gruppo limitato di media, tra cui era presente anche Soymotor. “Sarebbe un bene per la Formula 1 e soprattutto per i fan spagnoli. L’obiettivo è quello di riuscire ad appassionarli al Circus, anche se penso che siano già piuttosto coinvolti” prosegue.

GP RUSSIA: LE DICHIARAZIONI DI SAINZ SULLA MCLAREN

Per la gara di questo fine settimana in Russia, Sainz preferisce non fare pronostici, visto che le precedenti previsioni effettuate non si sono verificate. Perciò afferma: “Non posso dire niente perché nelle ultime due gare non ho azzeccato il pronostico. A Monza pensavo che avremmo avuto diversi problemi e invece siamo stati grandi e al Mugello invece si è verificato il contrario. Quindi preferisco non fare pronostici e vedere cosa succederà durante il fine settimana. Il circuito semiurbano di Sochi ha la fama di disputare gare non particolarmente divertenti.

Tutto ciò a causa della conformazione della pista, delle condizioni atmosferiche e un asfalto che non causa l’usura delle mescole. Su questo famoso argomento, Sainz semplicemente dichiara: “Sochi non è cambiata da un anno all’altro”. Inoltre, il pilota madrileno lascia intendere che la McLaren introdurrà miglioramenti sostanziali alla sua MCL35, con l’inizio della seconda metà della stagione che avverrà questo fine settimana. Tuttavia, non vuole svelare i dettagli e afferma di seguirli con attenzione da domani.

LA LOTTA CON RACING POINT

La McLaren è al terzo posto nel Campionato Costruttori appena davanti a Racing Point. Sainz si è congratulato con il team anglo-canadese per i miglioramenti portati al Mugello e che questo fine settimana saranno nuovamente disponibili soltanto sulla vettura di Lance Stroll. Perciò afferma:“I miglioramenti che hanno portato al Mugello non hanno nulla a che fare con la Mercedes, quindi devono essere riconosciuti”.

“Mi congratulo con loro perché hanno lavorato molto bene sulla vettura di Stroll. Noi siamo terzi nel Campionato Costruttori, anche se ritengo che la terza monoposto migliore della griglia sia la Racing Point. Nonostante gli oltre 30 punti persi a causa delle circostanze che conosciamo, essere ancora terzi è fantastico. Dobbiamo lavorare per avere anche la terza monoposto migliore della griglia” prosegue Sainz che vuole continuare a lavorare per far sì che la McLaren migliori.

RESETTARE CIO’ CHE E’ SUCCESSO AL MUGELLO

L’ultima gara del madrileno si è conclusa prematuramente a causa dello spaventoso incidente che l’ha visto protagonista. Dopo la ripartenza avvenuta in regime di Safety Car, la McLaren di Sainz è rimasta coinvolta con altre tre vetture in una pericolosa carambola. Lo spagnolo ha ripensato al GP di Toscana e ha dichiarato che tutti i piloti ne discuteranno tra loro questo fine settimana. E’ opportuno capire come fare per evitare che si verifichi nuovamente un episodio simile.

“La cosa più importante dell’incidente al Mugello è imparare da esso. E’ importante che ci sediamo, parliamo e diamo la nostra opinione a riguardo. Ho un paio di domande da porre agli altri piloti per sapere cosa ne pensano e capire eventualmente cosa possiamo fare per migliorare. Dobbiamo imparare a evitare ciò senza incolpare nessuno. Quindi domani sarà un giorno importante per analizzare e imparare a non ripetere questi errori in regime di Safety Car” dichiara per concludere.

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button