DichiarazioniFormula 1

Red Bull Perez: “Austria sarà molto importante”

Un inizio di stagione più complicato del previsto per il pilota messicano. Obiettivo per le due tappe austriache: adattarsi alla RB16B

SERGIO PEREZ È ALLA SUA PRIMA STAGIONE IN RED BULL. LA DOPPIA GARA IN AUSTRIA POTREBBE AIUTARLO IN QUESTA FASE DI ADATTAMENTO

La decisione di inserire due gare al Red Bull Ring in Austria, è stata accolta con favore dal pilota della Red Bull Sergio Perez. Il messicano sembra trovarsi in difficoltà in questo inizio di stagione, nonostante il potenziale della RB16B evidenziata fin dai test, confermata dai risultati di Max Verstappen.

Sergio Perez fa parte di un gruppo di piloti, all’esordio in questa stagione in una nuova squadra, che sta facendo fatica ad adattarsi alle monoposto. La sessione di test pre-stagionale che quest’anno è stata notevolmente ridotta, non ha certamente aiutato.

Per questo motivo, Checo aspetta le due gare al Red Bull Ring con speranza e fiducia, certo che la possibilità di correre per due settimane sulla stessa pista, sia la miglior opportunità per adattarsi alla RB16B.

“Credo che sarà molto importante. Poter andare in pista, soprattutto in Austria e correrci per due fine settimane, possa accelerare il mio apprendistato,” ha così dichiarato Perez al sito Race Fans.

“Si tratta di una stagione piuttosto unica sotto questo aspetto. I cambi di scuderia non sono stati dei temi importanti in passato, ma quest’anno con così tanti variabili, si sono rivelati complicati. Alcuni piloti hanno svolto un lavoro migliore rispetto agli altri,” ha così aggiunto il pilota della Red Bull.

CHECO: “DEVO MIGLIORARE IN QUALIFICA”

D’altro canto, Perez ammette di non sentirsi ancora a casa in Red Bull, e che deve migliorare soprattutto in qualifica al sabato.

A Imola sono riuscito a ottenere la seconda fila, nella mia seconda gara. Non lo avrei mai immaginato in un circuito così difficile, tuttavia il sabato il progresso non è ancora arrivato,” ha così sottolineato il Checo.

Sergio Perez ritiene quanto sia necessario, riuscire a capire meglio il comportamento della monoposto per poter tirar fuori il massimo nel corso di un intero fine settimana.

Giorgia Meneghetti

Mi chiamo Giorgia, nata nel 1986, e residente a Fermo nelle Marche. Diplomata in Perito del Turismo, e con ottime conoscenze di lingue straniere: Inglese, Francese, Spagnolo. La Formula 1 è una delle mie più grandi passioni, che seguo dal 1998. Grazie ai suoi protagonisti, piloti, monoposto, team ne sono rimasta talmente stregata, tanto da spingermi a scrivere, raccontarla e viverla attivamente, sognando e sperando di poter un giorno incontrarli, e diventarne parte, e magari in un lavoro.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.