Formula 1Gran Premio Ungheria

Presentati alla stampa i trofei in palio nel GP d’Ungheria

L’azienda ungherese Hender ha mostrato i premi del Gran Premio di Budapest

I trofei di Budapest sono da sempre tra i più iconici del Mondiale perchè in ceramica dipinta a mano. Anche quest’anno non saranno da meno

In Ungheria sono stati presentati alla stampa i trofei che riceveranno i primi tre classificati nel Gran Premio di domenica. Come di consueto i premi sono pezzi unici realizzati in porcellana dorata dipinta a mano dall’azienda ungherese Herend. I piloti che domenica saliranno sul podio avranno un regalo tanto speciale quanto fragile: i famosi trofei di ceramica locale del Gran Premio d’Ungheria.

LE RADICI STORICHE DEI TROFEI

Il circuito dell’Hungaroring li ha presentati alla stampa pochi giorni prima dell’evento per pubblicizzare il prodotto dell’azienda Herend, azienda con quasi 200 anni di storia. Herend è un’azienda manifatturiera ungherese fondata nel 1826 specializzata in porcellane di lusso dipinte a mano e dorate. A metà del XIX secolo era fornitore della dinastia degli Asburgo e aveva clienti aristocratici in tutta Europa. Tutti i prodotti dell’azienda sono realizzati con una miscela di caolino, feldspato e quarzo.

Per prima cosa il prodotto viene cotto a 830ºC. Quindi i pezzi vengono smaltati e nuovamente cotti a una temperatura di 1410ºC. Il risultato è una porcellana bianca pronta per essere dipinta a mano e personalizzata secondo il gusto del cliente.

Il circuito dell’Hungaroring ospita il Gran Premio dal 1986 e le coppe che vengono distribuite sono realizzate artigianalmente da questa azienda sin dai primi anni. Per esempio, l’unico trofeo di Formula 1 per Pedro de la Rosa, sul podio nel 2006, è stato realizzato proprio da Herend. Fernando Alonso, invece, hanno fino a cinque di queste coppe nella loro vetrina.

Chi vincerà la coppa più grande domenica? L’anno scorso vinse Lewis Hamilton, davanti a Max Verstappen e Valtteri Bottas. Il sette volte iridato ha qui conquistato la vittoria nelle ultime tre edizioni, riuscirà Max ad evitare che l’inglese cali il poker?

Gabriele Gramigna

Mi chiamo Gabriele, sono un ragazzo molisano e studio chimica all'università di Padova. Dal 2018 scrivo per F1World, cercando di trasmettere la mia passione per la Formula 1 in tutti i miei articoli.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.