DichiarazioniFormula 1Gran Premio Australia

Ocon: “Che shock la cancellazione del GP Australia”

Il pilota della Renault parla del GP Australia ammettendo di aver vissuto una strana situazione decidendo di usare ogni precauzione pur di gareggiare

Il GP Australia è stato cancellato quando piloti e team erano pronti per affrontare il primo weekend di gara. Tra loro Esteban Ocon di ritorno dopo una stagione fermo ai box, che ci racconta quanto avvenuto

 Esteban Ocon pilota della Renault, come tutti i suoi colleghi erano arrivati a Melbourne per disputare il GP d’Australia che avrebbe inaugurato la stagione di Formula 1 2020. Ma come tutti sappiamo, quel weekend di gara non si è mai disputato, essendo stato annullato a causa della minaccia del coronavirus.

Prima che avvenisse la cancellazione del GP d’Australia, i piloti sono arrivati a Melbourne e si stavano preparando per affrontare un normale weekend di gara, finché un membro della McLaren è risultato positivo al COVID-19. Da questo momento si è innescata una serie di decisioni fino a quella ufficiale arrivata poche ore prima delle prove libere del venerdì.

Tra i piloti presenti, c’era anche Esteban Ocon di ritorno in Formula 1 dopo una stagione di assenza, ed alla sua prima al volante della Renault. Il pilota francese è apparso nel paddock dell’Albert Park Circuit con una maschera nera che gli copriva la faccia, una precauzione adottata dallo stesso per evitare di essere contagiato.

ESTEBAN: “HO ADOTTATO OGNI PRECAUZIONE PER POTER TORNARE A CORRERE”

“In tutta onestà, ho trovato l’Australia molto strana. Ho deciso di usare una maschera quando sono arrivato e lasciato il circuito giovedì. Erano trascorsi circa 450 giorni dal mio ultimo weekend di preparazione ad una gara e ho voluto adottare ogni precauzione possibile per non perdere quest’occasione. È passato troppo tempo,” ha così raccontato Ocon in un’intervista per il sito della Formula 1.

“Mi sono allenato in tutto questo tempo per essere il più forte possibile. Quindi pensavo che sarebbe stato meglio essere cauti con quanto sta succedendo ed essere sensibile per gli altri. Certamente, tutto ciò che sta succedendo è fuori dalla nostra portata, ma volevo essere sicuro di aver fatto tutto il possibile per essere pronto. Non volevo che niente mi impedisse di tornare a correre”.

IL PILOTA DELLA RENAULT: “NON ME L’ASPETTAVO”

La notizia della cancellazione del GP d’Australia è arrivata il venerdì mattina anche agli stessi piloti. Esteban Ocon ammette che non si aspettava di svegliarsi con la notizia della gara annullata:È stato uno shock ricevere le notizie venerdì appena svegliato di dover lasciare la gara”.

“Sono andato a dormire presto giovedì sera, e quando mi sono svegliato, ero sul punto di andare a farmi una doccia quando ho ascoltato i messaggi vocali di Cyril Abiteboul e di altre persone che dicevano che qualcuno in McLaren era risultato positivo e che la gara era compromessa”.

“È stato un grande shock, ero mezzo sveglio, mezzo addormentato. Quindi è stato difficile riuscire a capire totalmente la situazione. Certamente, eravamo in Australia come prima tappa e per vedere cosa ognuno ha da offrire, compresi voi stessi. Ma in fondo, ho pensato che avremmo potuto far bene”.

In conclusione: Siamo arrivati lì sentendoci fiduciosi e gli stessi ingegneri con la loro esperienza lo erano verso il tipo di prestazione che avremmo potuto avere. Immagino che dovremo aspettare e lo vedremo!”

 

Pubblicità

Giorgia Meneghetti

Mi chiamo Giorgia, nata nel 1986, e residente a Fermo nelle Marche. Diplomata in Perito del Turismo, e con ottime conoscenze di lingue straniere: Inglese, Francese, Spagnolo. La Formula 1 è una delle mie più grandi passioni, che seguo dal 1998. Grazie ai suoi protagonisti, piloti, monoposto, team ne sono rimasta talmente stregata, tanto da spingermi a scrivere, raccontarla e viverla attivamente, sognando e sperando di poter un giorno incontrarli, e diventarne parte, e magari in un lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button