Formula 1Gran Premio Australia

GP Australia: annullato dopo ore di consultazioni

Dopo quasi dieci ore di riunioni tra vertici di FIA, Formula 1, team e organizzatori del Gran Premio, si è giunti a una spiacevole fine

A poco meno di due ore dall’inizio stabilito per la prima sessione di prove libere del GP d’Australia, è arrivata la comunicazione ufficiale da parte di FIA e Formula 1 della cancellazione del weekend d’apertura della stagione.

Sono passate quasi dieci ore dalla prima consultazione fra team principal, voluta dopo l’annuncio della positività da Covid-19 di un membro del team McLaren di Formula 1, ma la sola notizia di tutto ciò non è bastata a far mettere la parola fine al GP d’Australia 2020.

Durante la serata di giovedì in Italia e di venerdì in Australia, abbiamo assistito a qualcosa di incredibile, sicuramente la giornata di 12/13 marzo 2020 passerà alla storia, ad iniziare dai primi annunci ufficiosi della BBC in netto contrasto da quelli di Sky UK, fino alla notizia non ancora verificata di Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen che hanno lasciato l’Australia in mattinata.

IL COMUNICATO

Ma di tutto ciò solo una cosa è vera, ciò che si può leggere nel comunicato pubblicato dopo tanta agonia e attesa, dalla FIA e dalla Formula 1: “In seguito alla conferma che un membro del McLaren Racing Team si è dimostrato positivo per COVID-19 e la decisione del team di ritirarsi dal Gran Premio d’Australia, la FIA e la Formula 1 hanno convocato una riunione degli altri nove direttori del team giovedì sera”.

“Tali discussioni si sono concluse con una visione maggioritaria delle squadre secondo cui la gara non dovrebbe proseguire. La FIA e la Formula 1, con il pieno supporto dell’Australian Grand Prix Corporation (AGPC), hanno quindi deciso di annullare tutte le attività di Formula 1 per il Gran Premio d’Australia”.

“Apprezziamo che questa sia una notizia molto deludente per le migliaia di fan che devono partecipare alla gara e tutti i possessori di biglietti riceveranno un rimborso completo e un ulteriore annuncio verrà comunicato a tempo debito”.

“Tutte le parti hanno preso in considerazione gli enormi sforzi dell’AGPC, del Motorsport Australia, dello staff e dei volontari per organizzare il round di apertura del campionato del mondo di Formula 1 FIA 2020 a Melbourne, concludendo tuttavia che la sicurezza di tutti i membri della famiglia di Formula 1 e delle altre la comunità, nonché l’equità della competizione hanno la priorità”.

IL RUOLO DEI TEAM

Fra le tante supposizioni nate durante la serata c’è stata anche quella di alcuni giornalisti che hanno pensato di dividere quali team abbiano votato a favore e chi contro alla disputa del Gran Premio australiano, ma solo dopo la pubblicazione del comunicato, è arrivata la notizia di una lettera spedita dalla Mercedes in cui chiedeva alla FIA la cancellazione del Gran Premio.

Infine, ora non si sa quando si inaugurerà il settantesimo mondiale di Formula 1, dopo la cancellazione del weekend australiano, la prossima sarà sicuramente quella del Bahrein, e già annunciata quella del Gran Premio di Cina, potrebbe essere proprio il nuovo circuito di Zandvoort ad aprire con la sua sopraelevata il mondiale.

Pubblicità

Ruggiero Dambra

Mi chiamo Ruggiero e sono un ragazzo pugliese di 23 anni, studente di giurisprudenza (presso l'Università degli Studi di Bari) e appassionato di Formula 1 fin da bambino. La mia "carriera" come editore inizia nel 2013 con la creazione di un piccolo blog dedicato inizialmente alla cronaca, per poi occuparsi di motorsport. Successivamente ho scritto per diversi siti riguardanti la F1, fino ad iniziare la mia avventura con F1world nel settembre 2018. Quando mi chiedono chi vincerà il mondiale secondo me, io rispondo: "Il migliore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button