DichiarazioniFormula 1

Jordan : “Hamilton è di un altro pianeta rispetto a Schumacher”

Il fresco Campione del Mondo 2019, ottenendo il suo 6° titolo iridato, si è avvicinato a Schumacher per numero di vittorie. Ma per Jordan, Lewis è meglio di Michael.

Il pilota della Mercedes, dopo la conquista del sesto titolo, si trova sempre più ad un passo nel raggiungere il record di titoli mondiali vinti da Michael Schumacher

Lewis Hamilton, ha conquistato il suo sesto titolo di Campione del Mondo, domenica al GP USA, portando la sua W10 al secondo posto, alle spalle di Valtteri Bottas, compagno di squadra e vincitore della gara.

Con questo traguardo, Lewis Hamilton ha superato Juan Manuel Fangio (5° titoli) e si trova in seconda posizione, alle spalle di Michael Schumacher, nella classifica dei Campioni del Mondo di Formula 1. Il pilota inglese, è altresì ad un passo da superare l’ex pilota tedesco, per numero di vittorie in carriera in Formula 1 (Schumacher 91 vittorie vs. Lewis 83 vittorie).

Nonostante ciò, Michael Schumacher continua ad essere considerato, il miglior pilota di tutti i tempi, ma per Eddie Jordan, Lewis Hamilton è di un altro pianeta.

“Tutti quanti hanno il proprio punto di vista su questo, ma sono dell’opinione che lui ha già superato Michael,” così ha esordito Eddie Jordan, parlando a talksport.com.

JORDAN: “SE LEWIS AVESSE AVUTO LE STESSE CONDIZIONI DI SCHUMACHER…”

Michael ha iniziato con me, per cui ho una passione per lui, ma c’è una situazione in cui alcune persone che non potrebbero comprendere appieno. In quel periodo, io ho gestito gente come, Rubens Barrichello, Eddie Irvine, Giancarlo Fisichella e Jean Alesi, ed ogni volta che dovevamo far firmare un contratto con Michael Schumacher o Ferrari, ci sono sempre state delle condizioni, e ciò che abbiamo visto ad Austin, non sarebbe potuto accadere”.

“Se, Lewis avesse avuto le stesse condizioni sul suo contratto, sarebbe stato capace di superare Valtteri Bottas, per vincere la gara. Non puoi avere queste situazioni, in una competizione automobilistica, dove una parte del team impone all’altro. Per me, questo è stato il punto debole di Michael“.

Sette titolo Mondiali… quanti ne avrebbe vinto, se non avesse avuto l’influenza ed il supporto di tutte le altre persone del team?”

“Non sto parlando dei membri del team, bensì dei piloti. Lewis Hamilton è già di un altro livello, secondo me. E l’ha fatto da solo. Ciò che ha fatto, ha portato un grande orgoglio nella sua famiglia e tra la sua gente, e ne può essere giustamente fiero,” ha poi così concluso Eddie Jordan.

Pubblicità

Giorgia Meneghetti

Mi chiamo Giorgia, nata nel 1986, e residente a Fermo nelle Marche. Diplomata in Perito del Turismo, e con ottime conoscenze di lingue straniere: Inglese, Francese, Spagnolo. La Formula 1 è una delle mie più grandi passioni, che seguo dal 1998. Grazie ai suoi protagonisti, piloti, monoposto, team ne sono rimasta talmente stregata, tanto da spingermi a scrivere, raccontarla e viverla attivamente, sognando e sperando di poter un giorno incontrarli, e diventarne parte, e magari in un lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button