DichiarazioniFormula 1

Honda: l’obiettivo è avere un motore performante su ogni pista

Il motorista nipponico, risolti i problemi di affidabilità, proverà ad aiutare la Red Bull a vincere il Mondiale

In previsione della stagione 2020 di Formula 1, la Honda vorrebbe risolvere la differenza di prestazione del motore da una pista all’altra.

L’obiettivo della Honda, soprattutto dopo il rinnovo di Verstappen, è quello di permettere alla stella della Red Bull di lottare ad armi pari con gli avversari su ogni tracciato.

Se pensiamo a dove si trovava appena dodici mesi fa il costruttore giapponese, non si può nascondere che si sia fatto un enorme passo in avanti. Tanto da permettere alla Red Bull di vincere oltre alla gara di casa anche a Hockenheim e a Interlagos, circuiti che presentano tutti lunghi rettilinei.

IL RINNOVO DI VERSTAPPEN: UN CHIARO SEGNO PER HONDA

Proprio in queste ultime settimane a scuotere il mercato piloti è arrivata la decisione di Max Verstappen di firmare un contratto di lunga durata con la Red Bull, fino al 2023. L’obiettivo è quello di riuscire definitivamente a vincere il tanto desiderato titolo iridato, e proprio la Honda è ben consapevole di questa aspirazione.

Abbiamo la stessa ambizione ma per realizzarla dobbiamo preparare un motore adeguato – ha raccontato Masashi Yamamoto, managing director di Honda, ai colleghi di Motorsport.com – Quest’anno c’è stata una differenza di performance tra un tracciato e l’altro. Invece ci piacerebbe poter dire a Verstappen che il motore sarà performante su ogni pista. Dobbiamo fornirgli quel propulsore, svolgendo un buon lavoro di sviluppo“.

RISOLTI I PROBLEMI DI AFFIDABILITÀ

Sebbene la Honda sembrasse avere un piccolo vantaggio di potenza sulla Mercedes, la convinzione è che in generale il motorista giapponese abbia chiuso la stagione alle spalle di Ferrari e Mercedes: “Quest’anno il nostro propulsore è stato molto più affidabile rispetto a quello degli anni passati.
La Red Bull non ha dovuto preoccuparsi di eventuali rotture e la squadra ha potuto concentrarsi maggiormente sulle qualifiche e sulla gara. Questa credo che sia la ragione principale per la quale le cose sono andate meglio rispetto al 2018“, ha concluso.

Topics
Pubblicità

Eleonora Ottonello

Mi chiamo Eleonora, ho 32 anni e sono di Genova. Scrivo per passione, nella vita di tutti i giorni sono un'educatrice cinofila. Non ho paura di dire (forse è meglio dire scrivere) quello che penso. Per me la sincerità e la franchezza sono alla base di ogni rapporto umano. Sono pignola e puntigliosa ma disordinata e pasticciona allo stesso tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close