DichiarazioniFormula 1

Hamilton chiede scusa per la reazione avuta a Sochi

Il britannico afferma di aver imparato la lezione e garantisce che tornerà più forte di prima per la prossima gara

Hamilton chiede scusa sui social per la reazione avuta quando ha ricevuto le due penalità a Sochi

L’inglese ricorda di non essere perfetto e promette di imparare da quanto accaduto a Sochi per fare del suo meglio nella prossima gara. Hamilton chiede scusa per la reazione avuta quando ha ricevuto le due penalità. Ciascuna di cinque secondi inflitte per le prove di partenze effettuate prima del GP di Russia, fuori dell’area designata. Gli steward inizialmente gli avevano anche decurtato due punti dalla sua licenza. Ma dopo aver ascoltato il team e il pilota hanno fatto marcia indietro attribuendo le colpe alla Mercedes. Perciò hanno inflitto una multa al team.

La sanzione ha ostacolato il pilota, che così a Sochi ha perso l’opportunità di eguagliare Michael Schumacher nel numero delle vittorie. Dopo la gara, Lewis è apparso visibilmente arrabbiato. Infatti ha affermato che i commissari stavano cercando di fermare il suo dominio con penalità di questo tipo. Tale affermazione ha suscitato polemiche. Oggi, due giorni dopo, ha deciso di parlare perché ha capito di aver torto. Hamilton chiede scusa e spiega che in quanto essere umano può sbagliare. Perciò in momenti di alta tensione potrebbe reagire come non vorrebbe

LEWIS IMPARA LA LEZIONE E RINGRAZIA COLORO CHE LO SUPPORTANO

“Non sempre potrei comportarmi bene dinnanzi alle avversità. Potrei reagire come in realtà non vorrei, quando la tensione è alta. Ma sono umano e appassionato di quello che faccio. Grazie a coloro che continuano a sostenermi e combattono con me”, ha condiviso oggi pomeriggio sui propri account ufficiali. Lewis promette così di imparare questa lezione e si prepara già a tornare più forte nella prossima gara. Il prossimo Gran Premio si terrà a casa del suo team e far bene lo porterebbe a consolidare ancor di più la sua leadership nel campionato piloti.

 

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button