DichiarazioniFormula 1Gran Premio Stati Uniti

GP Stati Uniti, Perez felice ma disidratato: “Fisicamente la gara più difficile della mia carriera”

Il pilota Red Bull conclude sul podio nonostante un problema alla borraccia installata nella sua monoposto

La buona qualifica di ieri viene confermata da Sergio Perez con una prestazione maiuscola nel Gran Premio degli Stati Uniti

Sergio Perez completa un’ottima giornata Red Bull concludendo la terzo posto il GP degli Stati Uniti, diciassettesima tappa del Mondiale 2021. Il pilota messicano non è mai stato impensierito alle sue spalle, concentradosi solo a gestire il gap accumulato nelle prime tornate su Charles Leclerc. Con questo risultato i bibitari rosicchiano parecchi punti a Mercedes, pur rimanendo a 23 punti dal team rivale.

Per Checo Perez si tratta del secondo podio consecutivo, ribadendo la terza posizione ottenuta in Turchia. Il risultato odierno permette al pilota messicano di scavalcare Lando Norris nella classifica Mondiale, portandosi al quarto posto assoluto. Non può che esserci soddisfazione nelle parole del pilota Red Bull nel post gara di Austin, anche se rimarca una grossa difficoltà accusata nei 56 giri odierni; l’impossibilità di idratarsi:

“E’ stata una gara molto difficile.”, dichiara l’ex Racing PointNon ho potuto bere per l’intera durata della corsa e verso la metà ha cominciato a diventare parecchio difficile, ho iniziato a perdere forza. Credo che questa sia stata la gara più dura di sempre per me a livello fisico.”

 

GARA DI CASA NEL PROSSIMO APPUNTAMENTO PER ‘CHECO’ PEREZ

Se la prossima sarà la gara di casa, anche in questo appuntamento i supporters messicani non hanno perso l’opportunità di sostenere il proprio beniamino:Ringrazio tutti per il vostro appoggio, non mi sono dato per vinto proprio per voi”, conclude il pilota Red Bull. Dopo la grande risposta del pubblico per la tappa texana, si attende una bolgia anche per il prossimo appuntamento in calendario, il Gran Premio del Messico, in programma tra due settimane sul circuito di Città del Messico.

Samuele Fassino

Mi chiamo Samuele, ho 19 anni. Sono un grande appassionato di motori, specie di Formula 1 nella quale spero di lavorare un giorno. Oltre ai motori le mie passioni si estendono al calcio ed alla filosofia anche se, più in generale, mi piace tenermi informato su qualsiasi tema. Sono molto determinato e cerco sempre ottenere il massimo da ogni situazione.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.