Formula 1Gran Premio Gran Bretagna

GP Gran Bretagna, Ferrari: “Sapevamo che sarebbe stata dura”

Domenica di gara, sottotono per Charles Leclerc e Carlos Sainz che ottengono un risultato al di sotto delle aspettative. Le parole di Vasseur a riguardo

Gara da dimenticare per la Ferrari, a Silverstone nel GP Gran Bretagna. In difficoltà a livello di passo, e anche con la strategia. Lo conferma Vasseur

Domenica del GP Gran Bretagna da dimenticare per la Scuderia Ferrari. La mancanza di ritmo e una strategia piuttosto scadente, hanno reso difficile la gara di Carlos Sainz e Charles Leclerc. Da Silverstone, il team principal della Ferrari, Frédéric Vasseur ha riconosciuto l’errore fatto a livello di strategia, ma al di là di tutto, sostiene che la gara ha evidenziato un aspetto positivo, ovvero che i punti deboli siano stati migliorati.

Charles Leclerc e Carlos Sainz, erano in ottime posizioni alla partenza del GP Gran Bretagna, ovvero in quarta e quinta posizione. Tuttavia, in gara, le cose non sono andate bene. Il pilota monegasco ha concluso in nona posizione, mentre Sainz in decima. Entrambi hanno pagato, una strategia che si è rivelata non ottimale.

Che incubo le dure

Il passo della Ferrari a Silverstone, si è rivelato più lento rispetto ai rivali. Tuttavia, nelle fasi iniziali della gara, i piloti si sono potuti difendere in pista. Charles Leclerc su gomma media, in quarta posizione, si è difeso dagli attacchi di George Russell con le morbide. Con l’obiettivo di proteggersi al meglio dal britannico, la Ferrari l’ha chiamato ai box, per il primo pit-stop, molto in anticipo avvenuto al 19° giro. Al monegasco è stato montata la dura, con l’intento di arrivare fino al traguardo. Purtroppo, il passo con le dure si è rivelato il peggiore, tant’è che fu richiamato per la seconda sosta, al momento dell’uscita della Safety Car, per montare le medie. In questa fase, il pilota, non solo ha perso la posizione nei confronti di Russell, ma si è trovato nono fino al traguardo.

D’altra parte, Carlos Sainz ha potuto allungare lo stint con le medie, e percorrere 27 giri, fino al momento del suo pit-stop. Malgrado il passo non proprio felice, che si è ritrovato Leclerc, Ferrari ha optato di montare anche allo spagnolo le dure, con le quali è arrivato al traguardo. Una mescola, che ha in qualche modo compromesso la gara di Sainz, tant’è che nemmeno alla ripartenza dopo la Safety Car, il pilota sia riuscito a recuperare qualcosa. E per di più negli ultimi giri, si è trovato a lottare contro piloti, che montavano gomme morbide e medie, e con qualche giro in meno rispetto alle sue. Perciò, è scivolato fino alla decima posizione.

Fred: “Non siamo stati male con il degrado”

Frédéric Vasseur, nel dopo gara analizzando quanto accaduto, riconosce dove siano stati commessi gli errori, in primis a livello di strategia, che hanno penalizzato entrambi i piloti. Nei confronti di Leclerc, conferma che la strategia sia stata sbagliata, ma allo stesso tempo saggia, nel momento in cui Sainz ha effettuato la sosta.

Soffriamo meno di degrado, rispetto all’inizio della stagione, che era un nostro problema principale. Ci è mancato il ritmo, guardando a quello della Mercedes. Tuttavia, non siamo stati male con il degrado. La vettura era instabile, per via del vento. E già sapevamo che Silverstone, sarebbe stata difficile per noi, ha così spiegato il team principal della Ferrari, in alcune dichiarazioni riportate da Formula Passion.

Giorgia Meneghetti

Mi chiamo Giorgia, nata nel 1986, e residente a Fermo nelle Marche. Diplomata in Perito del Turismo, e con ottime conoscenze di lingue straniere: Inglese, Francese, Spagnolo. La Formula 1 è una delle mie più grandi passioni, che seguo dal 1998. I suoi protagonisti: piloti, monoposto, team mi hanno letteralmente stregata, tanto da spingermi a scrivere, raccontarla e viverla attivamente, sognando e sperando di poter un giorno incontrarli, e diventarne parte, e magari un lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio