DichiarazioniFormula 1Gran Premio Austria

GP Austria: verranno effettuati circa 12.000 tamponi

E’ tutto pronto al Red Bull Ring! La multinazionale Eurofins Genomics effettuerà i tamponi che verranno analizzati a Monaco entro 24 ore

Per iniziare nel migliore dei modi il Mondiale, in Austria, sede in cui si terranno i primi due Gran Premi di questa insolita stagione, c’è il materiale per effettuare dai 10.000 ai 12.000 tamponi

Il GP d’Austria aprirà la stagione e terrà due eventi di Formula 1 il 5 e 12 luglio. Si sono adottate così, le massime garanzie di sicurezza ed è per questo che hanno preparato un ottimo protocollo che include test ogni 48 ore per tutti i membri del paddock. Sono stati programmati 10.000-12.000 test che si svolgeranno durante le due settimane di Formula 1 in Austria, riferisce l’agenzia di stampa austriaca APA. A effettuare i tamponi è Eurofins Genomics, una multinazionale specializzata nell’analisi del DNA. Si occuperà delle prove durante il  GP d’Austria e anche durante la settimana del Gran Premio ungherese. Questo martedì ha aperto i suoi primi due impianti a Spielberg dei 20 previsti.

GP AUSTRIA: COME SI ATTESTERA’ LA NEGATIVITA’ AL COVID-19?

“Tutti coloro che lavorano al Red Bull Ring, circa 3.000 persone, devono presentare un certificato che attesti che siano negativi al Covid-19. Tale certificato non è valido per più di quattro giorni, per poter accedere al loro posto di lavoro. Ognuno deve essere controllato ogni cinque giorni, ha affermato Sigfried Schnabl, rappresentante regionale di Genomica di Eurofins. Inoltre ha annunciato che apriranno progressivamente tutte e 20 le strutture.

Durante le gare, circa 50 persone specializzate devono prelevare i campioni. Il piano prevede che i campioni vengano trasportati due volte al giorno dal circuito in un laboratorio vicino a Monaco. Lì, il personale lavorerà senza sapere a chi appartengono i campioni per fornire i risultati, che dovrebbero essere pronti tra le 16 e le 24 ore dopo. Nel caso in cui il test risulti positivo, soltanto l’ufficio del direttore dell’igiene potrà scoprire chi è la persona infetta.

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button