Formula 1Gran Premio Arabia Saudita

GP Arabia Saudita, Alonso: “Bello il podio, ma piedi per terra”

Da Jeddah, lo spagnolo dell’Alpine nonostante il podio del Qatar, preferisce concentrarsi sugli obiettivi del weekend

Meno di dieci giorni fa, in Qatar Fernando Alonso è tornato sul podio. Alla vigilia del GP Arabia Saudita, lo spagnolo è consapevole delle difficoltà

Fernando Alonso arriva in Arabia Saudita per la penultima prova del campionato del mondo di Formula 1 2021, dopo aver riassaporato la gioia del podio in Qatar, dopo sette anni di digiuno. Il pilota asturiano e l’Alpine, si sono trovati molto bene sulla pista di Losail, guardando alle buone prestazioni. Ora, il prossimo gran premio si terrà sul nuovo circuito di Jeddah, dove l’obiettivo torna a essere quello di superare la Q3 e andare a punti domenica.

Il podio del Qatar, ha sicuramente ridato fiducia ad Alonso e al team. Tuttavia, è difficile che questo evento si possa ripetere. Prima di tutto, non si sa come si comporterà la vettura sulla pista di Jeddah, dato che è nuova. Data la sua lunga esperienza, Fernando lo sa bene ed è consapevole che tutto può succedere.

“Veniamo da un podio, ma occorre tenere i piedi per terra. L’abbiamo festeggiato, dopodiché sono tornato a casa. Sappiamo che qui l’obiettivo è quello di finire in Q3 ed entrare in zona punti. Questo è un circuito nuovo, una sfida extra, sapere se mi andrà bene o male, è difficile,” ha così raccontato Alonso in conferenza stampa FIA, alla vigilia del GP Arabia Saudita.

Saranno tre le zone DRS che i piloti troveranno sul tracciato cittadino di Jeddah. Ciò nonostante, Alonso sottolinea la difficoltà di seguire la vettura che precede in questa tipologia di circuito, motivo per cui, superare non sarà facile. Inoltre, il fatto che la pista sia nuova, ci sono molti elementi sconosciuti, che possono aiutare a sparpagliare le carte in tavola all’interno della griglia.

“Ci sono tre zone DRS, ma come in tutti i circuiti cittadini sarà difficile stare dietro alle monoposto, e quindi superare. Ci sono molti elementi sconosciuti, e questo può offrire più opportunità di cambiare l’ordine naturale delle cose, e quindi a tutti i piloti,” ha così spiegato.

FERNANDO: “RAIKKONEN DOVREBBE VINCERE L’OVERTAKE AWARD”

In questa stagione, la Formula 1 insieme allo sponsor Crypto.com, società di criptovalute, hanno pensato di premiare i sorpassi con l’Overtake Award. A questo proposito, Fernando Alonso scherzando con Sebastian Vettel su questo riconoscimento, ha commentato che gli piacerebbe che fosse Kimi Raikkonen a riceverlo, prima di dire addio alla Formula 1. Nella classifica dei piloti che hanno compiuto maggiori sorpassi, il finlandese è terzo a un punto di distacco, da Alonso e Vettel. Lo spagnolo, ricorda che il finlandese non ha potuto correre a Zandvoort e a Monza per via del Covid-19.

Kimi è terzo, ma ha perso due gare per via del Covid-19. Quindi dovrebbe essere lui il vincitore, e magari lo otterrà ad Abu Dhabi, un modo migliore per festeggiare la sua ultima gara. Io e Sebastian, non possiamo superarci per 20 volte, per far aumentare i numeri, anche se possiamo lasciar passare Kimi,” ha così dichiarato Fernando prima di concludere.

Giorgia Meneghetti

Mi chiamo Giorgia, nata nel 1986, e residente a Fermo nelle Marche. Diplomata in Perito del Turismo, e con ottime conoscenze di lingue straniere: Inglese, Francese, Spagnolo. La Formula 1 è una delle mie più grandi passioni, che seguo dal 1998. I suoi protagonisti: piloti, monoposto, team mi hanno letteralmente stregata, tanto da spingermi a scrivere, raccontarla e viverla attivamente, sognando e sperando di poter un giorno incontrarli, e diventarne parte, e magari un lavoro.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.