DichiarazioniFormula 1

Formula 1 in stand-by: chi non è d’accordo alla pausa?

Lo stop della discordia: c’è chi di fermarsi non ne vuole sapere e scalpita per tornare in pista e chi invece ha già bisogno di rigenerarsi. La ragione sta nel mezzo?

La parola pausa non è ben accetta nel vocabolario di Alonso, specialmente a questo punto della stagione di Formula 1

Fernando Alonso non è per niente felice della pausa di tre settimane presente nel calendario della Formula 1 in questo mese. Lo spagnolo avrebbe preferito disputare un’altra gara in sostituzione del GP di Cina, seppur sono state confermate ben 23 gare in questa stagione. Eppure, questo stop potrebbe essere una vera manna dal cielo per alcuni team e piloti, per ritrovare la quadra e il top della forma.

Seppur questa pausa forzata non piace per niente al due volte campione del mondo, utilizzerà questo lungo tempo a disposizione per trascorrere più tempo presso la fabbrica dell’Aston Martin. L’asturiano avrebbe preferito impiegare il suo tempo gareggiando, anziché stare fermo e lontano dalle piste, ma il Circus non è riuscito a trovare un sostituto per la gara di Shangai. Perciò in questo mese di aprile ci saranno soltanto due gare: a inizio mese c’è stato il GP d’Australia e a fine mese il GP dell’Azerbaijan.

Non mi piacciono le vacanze di primavera, preferisco continuare a correre. Passerò molto tempo in fabbrica e ovviamente sfrutterò questo tempo a disposizione per prepararmi al meglio per la prossima gara e rivedere le prime tre. Nel mio caso specifico essendo in un nuovo team, ho ancora più cose su cui lavorare, ma preferirei farlo in pista”, ha così dichiarato Alonso a riguardo della pausa forzata che vede la Formula 1 lontano dalle piste per oltre 20 giorni.

C’è chi di fermarsi non ne vuole sapere e chi invece…

Max Verstappen invece, è favorevole a questa pausa, specialmente dopo il virus intestinale che l’ha colpito nella settimana del GP dell’Arabia Saudita. L’olandese crede che queste tre settimane l’aiuteranno a tornare alla sua migliore condizione fisica, anche se gli sembrerà strano doversi fermare così a lungo già a inizio stagione. Stop quindi necessario per rigenerarsi?

“Un paio di settimane fa, vi avrei detto che questa pausa non mi sarebbe piaciuta. Ma da quando ho avuto il virus intestinale non sono al top della mia condizione, anzi a Jedda è stato davvero complicato per me. Perciò questo lungo periodo di stop mi aiuterà a tornare al top della mia forma fisica. Se fossi stato bene al 100% avrei sicuramente preferito continuare a correre. E’ strano fare una pausa così presto”, ha così affermato l’olandese a riguardo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio