DichiarazioniFormula 1

Ferrari, Sainz: “Ho imparato molto in questa stagione”

Lo spagnolo riconosce gli aspetti positivi del mondiale 2022 e parla di come si sia dovuto adattare alla monoposto della scuderia del Cavallino Rampante

Carlos Sainz Jr, in un’intervista, spiega che avrà buoni ricordi di questa stagione e di come abbia dovuto cambiare il proprio stile di guida per competere con la Ferrari

Il mondiale 2022 di Sainz è stata una montagna russa, dai problemi iniziali con la guida della Ferrari, F1-75, agli ottimi risultati nella seconda parte di stagione. Lo Spagnolo, dopo due podi consecutivi in Bahrein e in Arabia Saudita, è stato protagonista di due ritiri durante i GP di Australia e Emilia Romagna, facendo preoccupare i tifosi che non fosse un pilota da Ferrari. Tuttavia, il madrileño, ha saputo raccogliere il guanto di sfida e cominciare a inalare ottimi risultati. Quando Sainz è riuscito a raggiungere un ottimo feeling con la F1-75 sono arrivate la prima vittoria, e pole, durante il GP del Regno Unito e in generale dei buonissimi week-end di gara. Avrebbe potuto conquistare di più, ma a causa dei problemi di affidabilità, della Rossa, non gli è stato possibile.

Intervistato da Formula 1, Sainz, ha parlato positivamente della propria stagione, spiegando che: “Ho imparato molto in questa stagione, di più anche del 2015, e quello è stato il mio primo anno nel Circus. Ho avuto stagioni buone e brutte, ma mai impegnative come quest’anno. Nelle prima cinque/sei gare mi sono ritrovato fuori ritmo, ho dovuto cambiare il mio stile di guida per riuscire a risolvere questi problemi. Prenderò gli aspetti positivi e li terrò per la prossima stagione“. Dalle parole dello spagnolo si può notare la speranza, e convinzione, in vista della prossima stagione.

Il futuro di Sainz

I due piloti Ferrari, la prossima stagione, cercheranno di riportare i due titoli iridati alla scuderia di Maranello. Carlos Sainz, dopo questo mondiale, è pronto a diventare campione del mondo, ma la Rossa cosa farà? Andrà a puntare su Leclerc o non darà ordini di scuderia e farà lottare alla pari i due piloti? Il madrileño avrà il difficile compito di adattarsi alle scelte del team e mostrarsi pronto al mondiale 2023.

Mattia Peddis

Sono Mattia uno studente di scienze politiche con la passione per la Formula 1 e per la politica. Il mio obbiettivo è quello di trasmettere la mia passione per il Motorsport attraverso la scrittura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio