DichiarazioniFormula 1

Caro Ben Sulayem, quand’è che lo sport diventa veramente politica?

Il presidente FIA ha recentemente rilasciato un’intervista in cui ha affrontato il tema della neutralità nel motorsport

Una bici arcobaleno e un casco sulla salute mentale: queste sì che sono le vere minacce all’integrità del nostro sport

Il presidente della FIA Mohammed Ben Sulayem è stato recentemente intervistato da Grandprix247.com. In particolare, uno degli argomenti affrontati ha suscitato scalpore e indignazione. Il presidente ha infatti espresso il suo parere circa le dimostrazioni, sempre più frequenti, di vicinanza alle tematiche più importanti dei nostri tempi. Tra cui l’impegno di Hamilton e Vettel nell’affermare la validità dei diritti per le persone nere e della comunità LGBTQ+. Oltre alla sensibilizzazione di Lando Norris sull’importanza della salute mentale, nello sport e nella vita quotidiana: Ben Sulayem ha infatti criticato l’eccessiva politica che domina lo sport oggigiorno.

Il presidente FIA ha dichiarato: “Penso che, purtroppo, il motorsport abbia la tendenza a essere troppo politico. Dovremmo separare lo sport dalla politica. La FIA ha uno status neutrale. Ma penso che alcune persone vedano la neutralità solo quando va bene loro. Noi siamo qui per una sola e unica ragione, che è lo sport. Devi essere politico qualche volta, ma non realmente un politico. La FIA deve essere attenta a non essere trascinata nella politica, senza dimenticare le radici del motorsport”.

Riguardo a cosa debba o non debba essere il motorsport, Ben Sulayem ha aggiunto: “Niki Lauda e Alain Prost pensavano soltanto a guidare. Ora, Vettel pedala su una bicicletta arcobaleno. A Hamilton interessano i diritti umani e Norris si dedica alla salute mentale. Tutti hanno il diritto di vederla come si vuole. Per me, si tratta di decidere se dobbiamo imporre le nostre vedute su qualcosa nello sport per tutto il tempo. Io vengo da una cultura araba. Sono internazionale e musulmano. Impongo i miei valori sugli altri? Assolutamente no!“.

BEN SULAYEM, SIAMO SICURI CHE TUTTO QUESTO SIA POLITICA?

Ben Sulayem ha ragione: lo sport non è politica e i piloti non sono politici. Difatti, non mi risulta che Ricciardo abbia mai espresso la sua opinione sulle leggi economiche vigenti in Australia. O che Verstappen abbia parlato parlato delle politiche internazionali in Europa. Dare visibilità ai problemi sociali delle comunità meno rappresentate non è politica: si tratta di diritti umani. E i diritti umani non hanno nulla a che vedere con le opinioni e i valori.


Lo sport è uno dei fenomeni di massa più forti che esistono. Unisce persone di ogni età, di ogni genere, di ogni nazionalità ed estrazione sociale. E perciò rappresenta un potentissimo mezzo di comunicazione: è allora diritto e dovere di ogni sportivo utilizzarlo per dare voce a chi non ce l’ha. La vera politica sarebbe evitare che tutto questo accada, mettere a tacere la libera espressione.

Non saranno delle scritte sulle magliette o dei calzini colorati a nuocere all’integrità del motorsport. A questo già provvedono i regolamenti sempre più vaghi, lasciati alla libera interpretazione. O gli investimenti su progetti che di sportivo non hanno nulla, e servono soltanto ad aumentare la spettacolarizzazione. Ma lì evidentemente il presidente non si pone problemi su cosa dovrebbe essere lo sport e cosa, invece, no.

Alessia Verde

Di Napoli, classe 2002. Sono appassionata di letteratura e di teatro, e studio per poter specializzarmi in questi due campi. Con la Formula 1 e i motori è stato amore a prima vista. Tifosa della Rossa nonostante tutto, la Formula 1 è tra le cose che più mi emozionano al mondo. Ma ciò che mi emoziona di più è potervela raccontare.

Un commento

  1. Ben Sualyem, a person running an international media-sports business complex with enormous political powers say drivers are political. How convincing it is :)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.