DichiarazioniFormula 1

Button: “Le comunicazioni team-Masi andrebbero vietate”

Secondo il Campione del Mondo 2009 andrebbero vietate le comunicazioni tra i team e Masi durante le gare

Jenson Button crede che andrebbero vietate le comunicazioni radio tra i team e Masi durante le gare

A dicembre è calato il sipario sulla stagione 2021, ma la gestione dell’ultima gara ad Adu Dhabi ha lasciato aperte alcune discussioni ancora irrisolte. La Formula 1 sta rivalutando le scelte prese dalla Federazione, per rilasciare l’ultimo verdetto e voltare definitivamente pagina. Le decisioni finali veranno rese pubbliche nei prossimi giorni; permangono ancora dubbi sul futuro del direttore di gara Michael Masi, accusato di aver favorito gli episodi che hanno contribuito a decretare Max Verstappen Campione del Mondo 2021.

Ciò che ha colpito il pubblico sono state anche le numerose comunicazioni via radio tra Red Bull e Mercedes con Masi, che avevano l’obiettivo di influenzare la gestione della gara. A tal proposito, Ross Brawn si è già pronunciato, annunciado che questo tipo di comunicazioni saranno vietate dalla prossima stagione. Jenson Button spera che la questione Yas Marina porti a risolvere le questioni tra i team e la Federazione al termine delle gare e non durante.

“LE SQUADRE DOVREBBERO PARLARE CON MASI SOLO ALLA FINE DELLA GARA”

Secondo il Campione del Mondo 2009, è fondamentale che le comunicazioni tra i team e Masi avvengano dopo la bandiera a scacchi, per evitare che le emozioni prendano il sopravvento. Durante un’intervista a Sky Sport, ha spiegato: Le squadre possono andare a parlare con Masi a fine gara. Ma durante la gara penso che sia sbagliato perché ci sono tante emozioni che arrivano dalle squadre ma anche da Michael Masi. È difficile perché c’è così tanta adrenalina. Molte persone guardano quello che fa, quindi penso che sia meglio che gli steward possano discuterne tra loro e prendere una decisione, ovvaimente facendo riferimento al regolamento davanti a loro”.

Infine, Button ha difeso la Red Bull, accusata di aver manipolato la gestione gara a proprio vantaggio. “Penso che quando lo senti da solo pensi ‘wow, è brutto, è come se stessero manipolando l’amministratore, ma è molto diverso da quello”, ha detto. “Ogni squadra parla con Masi ed esprime il proprio punto di vista. Lo fanno sempre e anche Toto Wolff diceva di non volore una Safety Car in un preciso momento, oppure che ne volevano una virtuale. I team cercano sempre di ottenere un vantaggio. È sempre stato così nello sport e forse questo deve essere controllato. Non dovrebbe essere così. Masi dovrebbero poter prendere le decisioni in modo autonomo”.

Chiara De Bastiani

Sono Chiara, ho 20 anni e studio scienze e tecniche psicologiche. Sono appassionata di motori e il mio amore per la Formula 1 è cresciuto piano piano insieme a me. Infatti, la seguo sin da quando ero piccolina, grazie a mio papà. Ho molte altre passioni e interessi che coltivo tra cui la danza, i viaggi, la montagna, la musica e l'arte. Sono un'inguaribile sognatrice che spera un giorno di poter lavorare in questo mondo fatto di passione, motori ed emozioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.