DichiarazioniFormula 1

Wolff: “In Bahrain dobbiamo dimostrare di saper reagire”

Il team principal spiega come la Mercedes si sta preparando alla prima gara della stagione 2021 e quali sono i problemi da risolvere

Secondo Wolff la Mercedes in Bahrain deve dimostrare che è in grado di reagire

Il 28 Marzo si accenderanno di nuovo i semafori nella pista del Bahrain. La favorita Mercedes questa volta non sembra partire nel migliore dei modi dopo le difficoltà affrontate durante i test pre-stagionali. A tal proposito, il team principal Toto Wolff dichiara: “La cosa sicura è che in Bahrein dobbiamo dimostrare di saper reagire” e spiega anche quali problemi la Mercedes dovrà risolvere.

L’austriaco ha fornito informazioni su come il team tedesco affronterà la prima gara dell’anno questo fine settimana. “Il Bahrain è un circuito estremo che è duro per i pneumatici, soprattutto per i posteriori, a causa della superficie ruvida dell’asfalto, per i tipi di curva, i rettilinei e le zone di frenata forte”. Il circuito del Bahrain è senza dubbio uno dei più “caldi” dell’intero campionato e Wolff si riferisce chiaramente ai test pre-stagionali, svolti a Sakhir, in cui si è potuto testare in anteprima come affrontare questo circuito, seppure la gara di disputerà al calar del sole.

QUALI SONO LE PRINCIPALI DIFFICOLTA’ DELLA PISTA DEL BAHRAIN? TOTO WOLFF DA UNA SPIEGAZIONE

La configurazione della vettura in Bahrein si concentra sulle curve a bassa e media velocità perché le curve ad alta velocità possono essere prese senza problemi. La presa meccanica è anche importante per spingere l’auto all’uscita delle curve lente” A proposito di ciò poi Wolff spiega anche quanto effettivamente siano importanti le prove libere, per capire come cambiano repentinamente le condizioni della pista. La prima e l’ultima sessione di libere si corrono in pieno giorno e con temperature elevate mentre la seconda si svolge pressappoco nell’orario della gara.

Un altro problema che sembra turbare il team principal Mercedes è una peculiarità di questa pista: la sabbia. In pieno deserto, quindi ci potrebbe essere la possibilità che la sabbia sia talmente fitta da poter interrompere la gara, Wolff risponde anche in merito a questo problema: “Non dovrebbe essere un problema. Tuttavia, se la sabbia influenza l’evoluzione della pista e provoca un riavvio, è preferibile non essere la prima auto a partire“, conclude.

Maria Sole Caporro

Maria Sole Caporro

Sono Maria Sole, romana e romanista, laureata in lingue e letterature. Sono da sempre appassionata di motori da quando fin dalla tenera età non potevo andare al mare la domenica perché i miei genitori dovevano vedere il GP. Cresciuta a pane e formula 1 con contorno di letteratura, sono qui per coniugare la mia voglia ed esigenza di scrivere e la passione per le monoposto.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.