DichiarazioniFormula 1

Drive to Survive 3: Williams la grande assente

Marc Harris, marito di Clare Williams, è dispiaciuto dal fatto che la scuderia britannica non sia stata compresa negli episodi della terza stagione

La serie Netflix Drive to Survive 3 ha tralasciato parecchi avvenimenti importanti: uno su tutti la vendita della storica Williams a Dorilton Capital

È da poco uscita la terza stagione di Drive to Survive, celebre serie prodotta da Netflix che racconta gli avvenimenti salienti della stagione di Formula 1 passata. Molti sono stati i fatti raccontati, come molti sono stati gli episodi salienti della stagione motoristica che si è appena conclusa. Tuttavia, il colosso americano non ha compreso in Drive to Survive uno degli avvenimenti più importanti: la vendita di Williams alla società di investimento statunitense Dorilton Capital. Secondo Marc Harris, è stata una mancanza di rispetto.

Attraverso il suo profilo Instagram, Harris ha espresso il suo malcontento: “È impossibile nascondere il livello di frustrazione che provo per l’ultima stagione di Drive to Survive. L’obiettivo della serie è avvicinare i fan a questo tipo di sport. Dovrebbe fornire informazioni su ciò che accade e dovrebbe raccontare le storie della stagione”. 

È difficile credere che ci fosse una storia più importante (oltre al Covid-19) della vendita di una delle squadre più storiche, di successo e apprezzate che il Motorsport abbia mai visto, Williams. Questo team ha avuto oltre 50 anni di esperienza in questo settore. Ha vinto 16 campionati del mondo e ha avuto il leggendario team principal Sir Frank Williams“, aggiunge Harris.

TANTO AMARO IN BOCCA

Il post di Harris prosegue con parole a dir poco amareggiate: “Questa squadra e questa famiglia hanno contribuito a rendere questo sport quello che è attualmente. Ma, oggi, a malapena Williams viene menzionata in Drive to Survive. Che vergogna. Sembra una totale mancanza di rispetto. Verso Sir Frank Williams, verso Claire e verso il team stesso”.

È facile dire che a Netflix non è stato consentito l’accesso. Ovviamente, Williams non ha dato l’accesso a nessuna troupe cinematografica durante i momenti molto privati. Soprattutto quello in cui Claire [Williams ndr.] ha dovuto dire alla squadra che la famiglia avrebbe dovuto abbandonare questo sport. Ma il team ha messo a disposizione moltissimi filmati e tutte le troupe hanno avuto accesso in qualsiasi altro momento. È un vero peccato che non ne abbiano usufruito“, conclude Harris.

L’assenza della scuderia di Grove in Drive to Survive non è passata inosservata nemmeno al pilota Wiliams George Russell. Il britannico ha, infatti, twittato con ironia ma anche con tanto amaro in bocca la frase: “Arrivare all’episodio 10 -l’ultimo- e rendersi conto che non sei in Drive to Survive.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.