DichiarazioniFormula 1Hot Topics

Vasseur: “Siamo una squadra, sia nei buoni che nei brutti momenti”

Il team principal della Scuderia italiana non si lascia troppo abbattere dall’andamento dello scorso weekend in Canada: concentrazione unicamente alle prossime gare

Fine settimana da dimenticare per la squadra di Frédéric Vasseur, ma il team principal non si scoraggia e guarda al futuro

Non il migliore dei Gran Premi per la Scuderia Ferrari, quello del Canada. La gara corsa sul Circuito di Montréal è sicuramente una da dimenticare per la Rossa, ma il team italiano non sembra intenzionato a darsi per vinto. Il capitano della squadra, “Fred” Vasseur, guarda già alle prossime gare. E sa che il suo team sta facendo lo stesso.

La Ferrari, dopo gli ottimi risultati ottenuti a Monaco, era stata indicata come la favorita alla vittoria da più di un avversario. Buoni propositi però presto distrutti, soprattutto dalle condizioni di bassa aderenza che non hanno permesso, né a Sainz né a Leclerc, di avanzare alla fase finale delle qualifiche. Un risultato piuttosto insolito per il team, ma in una gara che passa dal bagnato all’asciutto in un istante non è facile agire. Nonostante le opportunità per farlo ci siano state. E tante.

Concentrazione sul resto della stagione

Tra i problemi al motore della vettura di Leclerc e i danni a quella di Sainz, Montréal non è sicuramente una gran premio da ricordare per la Ferrari. Indirizzando una “lunga lista” di problemi, Vasseur ha ammesso che “tutto è andato storto” per la Scuderia in Canada. Con il solo problema alla power unit di Leclerc che ha fatto perdere alla stessa circa ottanta cavalli. Il problema più frustrante della giornata, secondo il team principal.

Ci aspettavamo una bandiera rossa […] per cercare di recuperare, ma la bandiera rossa non è mai arrivata“, ha spiegato Vasseur. “Non era solo il motore in sé; penso che fosse il controllo del motore che ci ha costretti a fermare completamente lo stesso. Abbiamo fatto un ciclo, ma è durato 30 o 40 secondi” ha spiegato il francese. Nonostante il weekend nero, il cinquantaseienne ha solo elogi per i suoi piloti. “Se non fosse frustrato in queste condizioni, sarei preoccupato” ha commento Vasseur, quando chiestogli dell’intervento di Leclerc alla stampa.

 

Martina Romeo

Classe 1999, forse una delle poche toscane con una “c” (quasi) intatta. Laureata in Giornalismo e Comunicazione Multimediale, passo le mie giornate alternandomi tra cinema e scrittura, soprattutto riguardo ad attualità, musica e sport. La Formula 1 è parte integrante della mia vita sin dall’infanzia, soprattutto da quando alla PlayStation la mia scelta ricadeva sempre sul gioco “con la macchina rossa”. Generalmente troppo ironica e spesso affascinata da ciò che non conosco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio