DichiarazioniFormula 1

“Tempismo perfetto”: Horner parla del ritiro di Vettel

A fine luglio l’ex campione del mondo ha annunciato il proprio ritiro dalla Formula 1: per il team principal Red Bull, il tedesco avrebbe scelto il momento giusto

Horner è sicuro che Vettel abbia scelto il momento giusto per ritirarsi dalla Formula 1 e ripercorre quanto fatto dal 4 volte iridato con la Red Bull

Sebastian Vettel è entrato a far parte del mondo Red Bull già in tenera età, quando ancora gareggiava nei Kart, ma nel 2009 è stato promosso nella prima squadra del gruppo austriaco in Formula 1. Già con la scuderia sorella, la Toro Rosso, aveva vinto il proprio primo GP l’anno precedente, ma con RBR ha raggiunto obiettivi incredibili e distrutto record. Assieme ai bibitari ha vinto 4 mondiali, dal 2010 al 2013, diventando il più giovane campione di sempre, primato ancora da battere. Nonostante il passaggio in Ferrari dalla stagione 2015, Sebastian Vettel ha mantenuto ottimi rapporti con il team principal Christian Horner che, dopo l’annuncio del ritiro del tedesco, afferma come, secondo lui, il tempismo di questa decisione sia perfetto.

È stato un piacere averlo in squadra, ha dichiarato Horner a Motorsport.com. “Abbiamo fatto grandi cose insieme. Penso che, avendolo visto crescere da ragazzo a giovane uomo, sia un ragazzo dai grandi principi. Ha convinzioni molto forti. Lo abbiamo visto nelle ultime fasi della sua carriera, quando si è battuto per le cose che lo appassionano, e giustamente. La sua famiglia è importante per lui. È un uomo molto riservato. Sono lieto di vedere che di recente è diventato un utente di Instagram!”

“E mentre la sua carriera in F1 volge al termine, sono sicuro che ha molte cose da fare nella sua vita. E sono sicuro che continuerà a fare grandi cose. Sarà triste non vederlo più in giro. Ma credo che il momento sia giusto per lui. Non è bello vederlo correre a centrocampo, non merita di stare lì. E credo che sia il momento giusto per lui per dire: ‘È arrivato il momento di dire basta alla Formula 1′” afferma il team principal Red Bull circa il ritiro di Vettel.

L’amore di Red Bull per il suo campione

Horner non si è fatto poi scrupoli nell’elogiare il suo ex pilota, parlando dell’impegno di Vettel dentro e fuori la pista nel corso dei suoi anni con la Red Bull: “Credo che la cosa che spicca di Seb sia che fin dall’inizio si vedeva che era un giovane molto concentrato e che la sua etica del lavoro era totalmente germanica. Lavorava sodo, lavorava fino a tardi e aveva un grande senso dell’umorismo, quindi, inserendosi in un team britannico, ha abbracciato immediatamente la cultura”.

Si è fatto apprezzare in tutte le aree dell’azienda, sia che si presentasse con cioccolatini per le segretarie sia che imparasse il gergo in officina: la sua padronanza dello slang cockney [n.d.r. slang londinese] è diventata leggendaria. Era formidabile nelle auto che producevamo in quel periodo. Erano giorni di gloria per la F1: grandi concorrenti, grandi squadre con cui ci confrontavamo e alcuni successi eccezionali. In quel periodo era molto concentrato sul raggiungimento non solo del successo, ma anche dei record. Significavano molto per lui”.

Il britannico ha anche sottolineato il miglioramento avuto da Vettel nel corso degli anni spesi alla Red Bull: È migliorato sempre di più. Nel 2009 eravamo una squadra giovane, così come lui. E abbiamo commesso qualche errore. Nel 2010 è stato il pilota di punta, ha avuto molti problemi di inaffidabilità e, contro ogni pronostico, ha vinto il campionato alla fine dell’anno. Nel 2011 ha fatto tesoro di questa esperienza. Il 2012 è stato un anno molto difficile. Aveva vinto solo una gara prima di lasciare l’Europa. Poi ne ha vinte, credo, quattro di seguito per arrivare a un testa a testa con Fernando [Alonso] nell’ultima gara in Brasile. Quando siamo arrivati al 2013, ha dominato in modo assoluto, e le nove vittorie consecutive che ha ottenuto sono state per me l’anno dell’apice. Ha messo tutto insieme e quell’anno è stato davvero eccezionale“.

 

Carlotta Ramaciotti

Da 20 anni appassionata di sport. L'amore per i motori nasce dal papà e cresce insieme alla mamma e a questo si lega la passione per la scrittura. Obiettivo: fare della mia passione il mio lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.