Formula 1Gran Premio Stati Uniti

Steiner VS budget cap: sì alla linea morbida

In attesa della decisione riguardante la Red Bull, a tenere banco nel paddock è sempre la questione del tetto dei costi

Durante la conferenza del giovedì di Austin, Steiner si è ritenuto favorevole ad apportare delle modifiche riguardanti il budget cap

L’aria si fa sempre più tesa all’interno del paddock dopo che la scorsa settimana la FIA ha annunciato che Red Bull ha sfiorato il limite del budget cap, pari a 7,2 milioni di dollari. Mentre sono attualmente in corso i colloqui tra la scuderia di Milton Keynes e la FIA su un potenziale accordo, gli altri team richiedono una sanzione rigorosa nei confronti della scuderia austriaca. Il Team Principal della Haas, Gunther Steiner, ha dichiarato di non sapere quale possa essere definita come sanzione opportuna nei confronti della Red Bull.

Il manager altoaltesino è per la linea morbida: “Secondo me, ora che ci penso, dovrebbe essere minore. Hanno superato il budget cap di 140 milioni di dollari. Stiamo parlando di un 5% all’interno del quale si affrontano delle spese alle quali non possiamo sottrarci. Non si parla di una spesa di sette milioni di dollari di sviluppo. È una cosa diversa. Credo che dovremmo parlarne quando ridiscuteremo il prossimo Patto della Concordia“, ha sottolineato Steiner. 

FIA SEVERA TRANNE CHE CON RED BULL?

Il 2021 ha segnato la prima stagione in cui le squadre ebbero il compito di rispettare le nuove regole. A cominciare dal tetto dei costi, per poi prepararsi all’applicazione più severa del nuovo regolamento inerente il budget cap a cominciare dal 2022. Il Team Principal della Haas ha affermato quanto sia stato complesso da rispettare il limite, persino per la Haas, sostenendo come la FIA fosse stata “molto, molto severa“.

Nonostante l’ente che governa la massima serie automobilistica abbia delineato le potenziali sanzioni per i team che avessero violato il tetto di spesa massimo, se Red Bull e Federazione Internazionale riuscissero a raggiungere un accordo, per la scuderia austriaca non dovrebbe esserci alcuna perdita di punti nel campionato Costruttori e tantomeno in quello riservato ai piloti nelle ultime stagioni e, probabilmente, nemmeno una riduzione della spesa da sfruttare nel 2023. Forse arriverebbe una multa per aver superato il budget cap. 

Secondo Steiner, quanto sta accadendo, potrebbe aiutare non solo la Formula 1, ma anche la Federazione Internazionale a gestire nel migliore dei modi problematiche di questo genere in futuro.
Se tutto fosse stato più chiaro, non ci troveremo qui a parlarne – ha dichiarato il Team Principal della Haas – È fondamentale che ci sia rispetto per tutto il lavoro fatto per arrivare ad avere un budget cap. Ora dobbiamo solo migliorare le normative che regolano la sezione finanziaria. E questo avverrà solo col tempo“, ha concluso.

Valeria Caravella

Redazione

News in tempo reale, classifiche aggiornate, foto e video delle gare, F1 live, piloti, team, Gran Premi in diretta web, e curiosità dal grande mondo della Formula 1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button