DichiarazioniFormula 1Test Fiorano

Schumacher, Ilott e Shwartzman hanno provato la SF71H

I tre piloti dell’Academy Ferrari si sono goduti tre ore di test sulla pista di Fiorano

I giovani piloti dell’Academy condividono le loro impressioni dopo aver provato la Ferrari del 2018

Schumacher, Ilott e Shwartzman hanno vissuto una giornata indimenticabile ieri a Fiorano. I tre piloti dell’Academy hanno provato la Ferrari del 2018 e ne sono rimasti impressionati. Ogni pilota ha avuto circa 3 ore di test, e alla fine della prova hanno rilasciato le loro sensazioni.  Mick Schumacher, in particolare, si è detto colpito dei grandi progressi fatti nel settore aereodinamico.

“Voglio ringraziare la Ferrari per avermi dato l’opportunità di provare un’auto ibrida di Formula 1 pochi giorni prima del mio debutto in una sessione ufficiale al Nurburgring. É stato molto utile abitarsi a tutte le procedure e al modo in cui lavora il team. Qualche settimana fa al Mugello ho potuto provare la Ferrari del 2004 e paragonando con l’esperienza di oggi è impressionante notare quanti progressi ha fatto la Formula 1 in termini di aereodinamica.“, ha detto il giovane tedesco.

Inoltre, Mick, ha annunciato che nella sessione di prove libere a cui parteciperà, avrà la fortuna di lavorare con alcuni dei meccanici che hanno lavorato con il padre, Michael Schumacher. “Non vedo l’ora di entrare nell’abitacolo. Sarà stupendo partecipare a una sessione di prove libere per la prima volta davanti ai miei tifosi. Ci sono alcuni meccanici nel team che hanno lavorato con mio padre, e questo renderà la giornata ancora più speciale“, ha concluso Mick.

I COMMENTI DI ILOTT E SHWARTZMAN

Anche Ilott ha sottolineato l’efficienza aereodinamica della vettura, esaltandosi per le sensazioni che ha provato al volante. “É stata una giornata indimenticabile. Sono grato alla Ferrari per avermi dato questa opportunità. Quello che mi ha sorpreso della monoposto è stata la sua efficienza aerodinamica, che ti dà un livello di grip che non trovi nelle categorie propedeutiche. Potenza del motore, frenata estrema, istantanea.”, ha detto l’inglese.

Infine, Shwartzman, dice di aver sognato questo giorno fin da quando era bambino. Anche lui è rimasto impressionato dalla potenza e dalla frenata di una vettura di Formula 1, oltre che dall’alto livello con cui tutta la squadra è abituata a lavorare. La potenza è ciò che più mi ha colpito. Quando acceleri sembra che i cavalli non finiscano mai. Anche i freni sono impressionanti: la macchina si ferma solo quando sente che è troppo tardi per fare la curva. Oltre alla guida, è stato speciale lavorare con il team. Prestano attenzione ad ogni dettaglio e lavorano ad un livello molto alto. Grazie a tutti loro per aver reso questa giornata ancora più indimenticabile.”

Pubblicità

Danilo Tabbone

Mi chiamo Danilo, ho 20 anni, vengo dalla Sicilia e studio all'Università di Palermo. La Formula 1 è la mia più grande passione, la seguo da quando ero bambino, e le emozioni che mi suscita sono parte integrante della mia personalità. Dal 2020 scrivo per F1world.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button