DichiarazioniFormula 1

Sainz rivela di aver bisogno “di tempo e di errori”

Il pilota spagnolo descrive il processo che sta affrontando per riuscire a trovare il giusto approccio alla sua nuova monoposto

Non sarà facile per il madrileno trovare il giusto equilibrio alla guida della sua Ferrari: sarà un percorso lungo e complicato

Non è un segreto che Carlos Sainz stia avendo non poche difficoltà nell’adattarsi alla nuova F1-75 a effetto suolo, con i conseguenti errori che ne derivano. Il madrileno ha infatti avuto una serie di incidenti negli ultimi quattro appuntamenti, e la sua situazione per lui peggiora se consideriamo, invece, gli ottimi risultati che sta ottenendo il suo compagno di squadra. Interrogato su quali siano i problemi che sta affrontando, Sainz ha ammesso di non poterlo spiegare con esattezza: “E’ molto specifico. Riguarda molti dettagli tecnici.” ha dichiarato. “Sono probabilmente troppe cose da mettere in un’intervista, o da dire a parole. In quanto penso meriti anche un po’ di riservatezza. Ci sono cose confidenziali del team“.

Potete vedere dalle telecamere e dappertutto che non ci sono ancora con la monoposto rispetto allo scorso anno. Ma è così che vanno le cose: o ti adatti alla vettura, o puoi modificarla un po’ più verso il tuo stile. Queste due cose però hanno bisogno di tempo e di esperienza. Hanno bisogno di errori e di prove. E in questo momento sto affrontando questo processo“.

Il suo compagno di squadra, invece, sembra essersi adattato perfettamente alla monoposto Ferrari. Lo ammette lo stesso Sainz: “[Leclerc] sta guidando a un livello molto alto. Registra tempi sul giro veramente impressionanti, con uno stile di guida aggressivo. Posso solo ammirarlo e provare in qualche modo di imitarlo. E provare poi ad aggiungere qualcosa di mio per essere più veloce. Ora è così. Qualche volta succede e tu, come pilota, devi solo affidarti al processo e sfidare te stesso“.

SAINZ: “SOLO CON GLI ERRORI POSSO IMPARARE”

Sainz ammette di non essere sicuro del tempo che ci vorrà prima che riesca a trovare il giusto approccio alla F1-75: “Resto positivo e motivato a cambiare le cose il prima possibile. Ma non è stato facile. Potete vedere dagli onboard e dai miei errori che sto facendo abbastanza fatica a guidare questa monoposto, e a comprendere come tirarne fuori il massimo. Mi sta dando una sfida completamente nuova nella mia carriera in Formula 1.

Devo pensare fuori dagli schemi. Guidare fuori dagli schemi. E con questo arrivano gli errori, ma si arriva anche a imparare ciò che ho bisogno di imparare. Ce la sto mettendo tutta per provare e combattere questa cosa. C’è stata una combinazione di sfortuna ed errori dal mio lato, che anche conta, no? Ma penso che in futuro la situazione cambierà all’improvviso. O cambierà a poco a poco, e avrò solo bisogno di mantenere la testa bassa“.

Alessia Verde

Di Napoli, classe 2002. Sono appassionata di letteratura e di teatro, e studio per poter specializzarmi in questi due campi. Con la Formula 1 e i motori è stato amore a prima vista. Tifosa della Rossa nonostante tutto, la Formula 1 è tra le cose che più mi emozionano al mondo. Ma ciò che mi emoziona di più è potervela raccontare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.