DichiarazioniFormula 1

Russell: “Non sono soddisfatto della quarta posizione”

L’inglese parla della propria stagione è spiega come non sia soddisfatto dei propri risultati e punti al titolo mondiale già dal prossimo anno

George Russell ha concluso, la prima stagione in Mercedes, in quarta posizione iridata, ma non sembra esser soddisfatto del proprio risultato

Il mondiale 2022 di Russell si è concluso in quarta posizione, un ottimo risultato vedendo l’inizio di stagione dei due piloti Mercedes. Ma l’inglese non è soddisfatto dal proprio campionato e spiega che lui è in Formula 1 per vincere il titolo. George è il primo compagno, da Rosberg nel 2016, a battere Hamilton e finire la stagione davanti al sette volte iridato, ma Russell non sembra interessato a questo traguardo. Il campione del mondo F2 2018 è però contento del fatto di esser riuscito a adattarsi ad una scorbutica, almeno a inizio stagione, W13. Il giovane pilota Mercedes avrà il compito, nel 2023, di riportare la scuderia di Brackley alla prima posizione della classifica iridata.

Russell, intervistato dalla BBC, spiega che: “Ogni pilota ha bisogno di tempo per adattarsi ad uno cambio in una nuova scuderia, non importa chi sia il tuo compagno. È fondamentale la fiducia con il team, ma alla fine, siamo tutti qui per vincere. Quindi si deve guardare avanti e pensare a come rendere la monoposto più veloce, è stato un buon primo anno per me. Ho imparato molto da Lewis, è il più grande di tutti i tempi. Ho la fortuna di potermi misurare con lui e capire più cose. Non sono soddisfatto della quarta posizione, sono qui per vincere, devo continuare ad alzare l’asticella“.

Parlando del 2023

Siamo un passo indietro rispetto a Red Bull e Ferrari e dobbiamo lavorare per ridurre il divario. La cosa positiva è che saremo in una posizione migliore rispetto al 2022. Sarò in Mercedes per lungo tempo e anche se mi sarebbe piaciuto, già da questa stagione, vincere gare e lottare per il titolo, penso che come squadra, questi momenti difficili ci aiuteranno. Spero che in futuro potrò guardarmi indietro e dire che il 2022 è stato un anno positivo“.

Mattia Peddis

Sono Mattia uno studente di scienze politiche con la passione per la Formula 1 e per la politica. Il mio obbiettivo è quello di trasmettere la mia passione per il Motorsport attraverso la scrittura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button