DichiarazioniFormula 1

Rosberg a Verstappen: “Approfitta dei cali di Hamilton”

Secondo il tedesco il rendimento dell’ex compagno di squadra non è costante nell’arco di un intero campionato

La corazza del britannico non è impenetrabile: il tedesco lo sa bene, e suggerisce al pilota Red Bull la sua ricetta per l’assalto al titolo iridato

Dall’introduzione dell’era ibrida in Formula 1, Lewis Hamilton ha conquistato sei titoli su sette disponibili. Il solo Nico Rosberg lo ha sconfitto, nel 2016. Da allora, non solo l’inglese è imbattuto, ma non ha dovuto neanche più giocarsi il campionato all’ultima gara. Questa supremazia schiacciante non si sta ripetendo nella stagione 2021, che ad Austin entrerà nella fase decisiva. C’è un numero ricorrente: sei sono le gare al termine, così come sei sono i punti di vantaggio di Max Verstappen su Lewis Hamilton. Sei era anche il numero di gara di Rosberg, che ha un consiglio da dare all’olandese: il trucco è sfruttare i cali di Hamilton.

IL SUGGERIMENTO DI NICO

Per vincere un campionato del mondo di Formula 1 devi innanzitutto focalizzarti sul tuo avversarioha dichiarato il tedesco. “Nel mio caso, si trattava di Lewis. Era l’unico vero rivale che avessi, e il tempo ha dimostrato che è il miglior pilota di tutti i tempi. Il suo livello di guida è incredibilmente alto, ma parliamo sempre di un essere umano: anche lui ha delle debolezze“.

Partendo da questo presupposto, la condizione fondamentale per ambire a battere l’inglese è avere un rendimento ai limiti della perfezione. “Prima di tutto, devi assicurarti di essere al 110% durante tutto l’arco della stagione” prosegue Rosberg. “Con una resa anche di poco inferiore sei spacciato, non hai speranze contro Lewis. Devi essere consistente dalla prima all’ultima gara, limitare i danni nei Gran Premi meno fortunati ed essere lucido in ogni momento“.

La chiave, tuttavia, sta nel riuscire ad approfittare dei piccoli cali di rendimento di Hamilton. “Lewis ha questi momenti in cui perde un po’ di motivazione, degli alti e bassi da cui è fondamentale riuscire a ricavare il massimo vantaggio possibile: lui potrebbe accusare e impiegare un po’ di tempo in più per tornare a rendere al meglio. Ecco, combinando tutti questi ingredienti, si ha una possibilità di spuntarla: è ciò che è successo nel 2016″.

C’è tempo anche per una nota di colore. Parlando del suo finale di carriera, Rosberg rivela con infallibile precisione quando ha maturato la decisione di ritirarsi : “Due metri dopo aver tagliato il traguardo di Abu Dhabi! A chi mi chiede quale sia stato l’istante esatto, rispondo così: fu quello il momento“, conclude il campione del mondo del 2016.

Alessandro Bargiacchi

Redazione

News in tempo reale, classifiche aggiornate, foto e video delle gare, F1 live, piloti, team, Gran Premi in diretta web, e curiosità dal grande mondo della Formula 1

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.