Formula 1Gran Premio Monaco

Philippe Bianchi, la dedica a Leclerc: “Penso a Hervé e Jules”

L’emozionante dedica del papà di Jules a seguito della vittoria di Leclerc a Monaco

Nel ricordo di papà Hervé e il compianto Jules: Philippe Bianchi commuove i tifosi con la sua dedica a Leclerc sui social

La vittoria di Charles Leclerc a Monaco ha portato con sé un enorme carico di emozioni. Dopo anni di tentativi, finalmente il pilota monegasco è riuscito a vincere nella sua città, davanti agli occhi di amici e familiari. Ma, soprattutto, nel ricordo di suo papà Hervé, scomparso sette anni fa, e dell’amico Jules Bianchi, morto a seguito del tragico incidente a Suzuka nel 2014.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Charles Leclerc (@charles_leclerc)


Fu proprio grazie all’aiuto e il supporto della famiglia Bianchi che il piccolo Charles poté continuare a coltivare il suo sogno, oltre ai sacrifici dei suoi stessi genitori. E’ per questo motivo che la vittoria nel Principato ha assunto un significato ancora più grande. E forse non sarà un caso che sia avvenuta proprio il giorno successivo al decimo anniversario dalla conquista dei primi punti di Bianchi in Formula 1, sempre nel Gran Premio di Monaco.

PHILIPPE BIANCHI: “HERVE’ E JULES SAREBBERO ORGOGLIOSI DI TE”

E così, il giorno dopo la grande vittoria, Philippe Bianchi (il papà di Jules) ha condiviso sul suo profilo Instagram (dove mostra attivamente il suo supporto per Leclerc) un’emozionante dedica, ricordando il figlio e l’amico Hervé. “Grazie Charles per questo regalo e per il tuo tributo, sempre per Jules, e per il tuo supporto per la famiglia Bianchi. Congratulazioni per la tua fantastica vittoria a Monaco. Penso a Hervé e Jules, sarebbero così orgogliosi di te e del fantastico uomo e pilota che sei diventato“.

Anche Leclerc non ha nascosto di aver pensato al suo papà e al suo amico, durante gli ultimi giri del Gran Premio. “A Monza nel 2019 ero emozionato, ma oggi negli ultimi 15 o 20 giri avevo in mente le persone che non ci sono più, il mio papà, Jules… Questo è stato più difficile da gestire. Negli ultimi due giri facevo fatica a vedere perché avevo gli occhi pieni di lacrime.” ha ammesso ai microfoni di Sky Sport, ancora in preda all’emozione.

Alessia Verde

Di Napoli, classe 2002. Studentessa di Lettere Classiche all'Università Federico II. Innamorata follemente della Rossa. Con la Formula 1 è stato amore a prima vista, e nulla riesce a emozionarmi come fa lei. Ma ciò che mi emoziona di più è potervela raccontare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio