2019DichiarazioniFormula 1

Norris: “Noi giovani non ignoriamo il pericolo”

La giovane star della McLaren ha affermato che nessuno si è scordato dei pericoli che si corrono in Formula 1

Lando Norris difende tutti i suoi giovani colleghi rispondendo per le rime a Jacques Villeneuve. “Nessuno ha scordato i rischi che si corrono nel motorsport”

Lando Norris è stato uno dei piloti più colpiti dalla tragica scomparsa di Anthoine Hubert, vittima di uno sfortunato incidente avvenuto a Spa-Francorchamps durante Gara 1 di Formula 2. Il giovane inglese, però, non si è lasciato abbattere da questa sciagura e si è eretto a difensore della sua categoria rispondendo alle critiche che hanno colpito le nuove leve del motorsport.

Dopo la morte di Hubert, Jacques Villeneuve aveva disapprovato il comportamento dei giovani piloti, rei, secondo lui, di ignorare i pericoli che si affrontano a bordo di una monoposto. “Quando arrivano in pista, si comportano come se fossero ancora sul simulatore. Non provano lo stesso stress di una volta, non sentono l’adrenalina. La valutazione del pericolo, dell’enorme rischio che corrono quando vanno in pista, non è più lo stesso”.

Lando Norris ha voluto rispondere al campione del mondo 1997 affermando che le nuove star del motorsport sono ben consapevoli del rischio che corrono, nonostante tutte le novità introdotte a livello di sicurezza nel corso degli anni.

“Non credo abbia nulla a che fare con i simulatori virtuali”, ha detto il pilota della McLaren. “Credo sia una scusa usata per giustificare l’accaduto. La sicurezza in pista sta migliorando molto, soprattutto rispetto a quando lui ha corso”.

“Non ci limitiamo ad andare in giro per la pista non preoccupandoci di nulla, ci rendiamo ancora conto del pericolo. Tutto sta diventando più sicuro, quindi a volte ci assumiamo più rischi rispetto al passato ma non per questo ci dimentichiamo di quella minaccia”.

Per il giovane pilota della McLaren, il fatale incidente di Hubert non è stato causato da “rischi stupidi” ma solo da una serie di sfortunati eventi

Norris è convinto che l’incidente di Hubert sia stato solamente il risultato di un errore che si è trasformato in una tragedia. L’inglese si è detto irremovibile, nessun pilota stava correndo rischi “stupidi” per ottenere vantaggi.

“Non so bene cosa sia capitato in Belgio e non voglio parlarne ma sono sicuro che non sia successo perchè qualcuno stava facendo qualcosa di stupido o rischiando oltre i limiti. È stato un qualcosa di piccolo che si è trasformato in una grande tragedia“.

“Dire che siamo giovani e più o meno impavidi è una scusa, è solo successo. È una situazione sfortunata, questo è tutto, non ci sono giustificazioni per quanto è capitato“.

Topics
Pubblicità

Alberto Lanzidei

Mi chiamo Alberto, ho 23 anni e seguo la Formula 1 sin dalla tenera età. Grandissimo tifoso Ferrari, sono cresciuto seguendo, in compagnia di mio padre, il dominio di Michael Schumacher. In seguito ho sviluppato una fortissima passione per Fernando Alonso e ho gioito e sofferto per le sue vittorie in rosso. Oltre la Formula 1, cerco di seguire tutti gli altri motorsport, in particolare WRC, MotoGP e SBK. Quando non seguo gare mi dedico al bodybuilding e ai videogames

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close