DichiarazioniFormula 1Gran Premio Toscana

Norris: “Mugello fantastico ma non adatto ai sorpassi”

Il talento della Mclaren si è detto felice dell’aggiunta del tracciato toscano al calendario, ma teme le poche opportunità di sorpasso

Il pilota della McLaren Lando Norris è entusiasta dell’approdo della Formula 1 su circuito del Mugello. L’inglese conosce bene la pista italiana e non vede l’ora di tornarci, ma a suo dire il tracciato offrirebbe poche opportunità di sorpasso

Quello che a tutti gli effetti passerà alla storia come uno degli anni più difficili per la Formula 1 sarà paradossalmente anche quello con il calendario più avvincente ed inaspettato. Dopo la defezione di numerosi circuiti, l’esigenza di disputare più gare possibili nel minor tempo possibile ha costretto la Federazione a dover correre ai ripari. Ciò ha portato alla creazione di nuovi GP ad hoc, molti dei quali ospitati in piste inizialmente non previste nei piani della FIA. I fan dunque potranno deliziarsi assistendo non solo al ritorno di grandi tracciati quali Imola o il Nürburgring, ma potranno anche assistere a delle gradite prime assolute. Tra i tanti piloti che si sono detti felici dell’ingresso del Mugello nel calendario troviamo anche Lando Norris, il giovane pilota della McLaren al suo secondo anno in Formula 1.

“Non vedo l’ora di gareggiare lì” – afferma Norris – “Ho già corso al Mugello nel 2015, quando correvo nella Formula 4 italiana, è davvero interessante. E’ un circuito davvero veloce, con curve a media o alta velocità e delle chicane non molto strette. Ricorda molto l’Austria in certi punti, senza però la grande zona di frenata in salita. Questo tipo di curve mettono a dura prova il fisico dei piloti e portano le macchine al limite in termini di velocità di percorrenza in curva. Potrebbe però non essere l’ideale per gareggiare. Non so se avete mai visto un sorpasso tra curva 1 e l’ultima curva. Credo possa ricordare l’Ungheria sotto questo punto di vista. Allo stesso tempo è un tracciato magnifico, penso le qualifiche saranno spettacolari. Inoltre è un circuito inedito, per cui non si arriva già con un setup pronto. Credo sia una sfida ulteriore, è molto eccitante”.

Pubblicità

Matteo Tambone

Mi chiamo Matteo, sono uno studente di Laurea Triennale in Fisica presso l'Università Federico II di Napoli. Velista e windsurfer, mi piace considerarmi uno sportivo a tempo pieno. Appassionato di Motorsport in tutte le sue forme, seguo la Formula 1 da sempre ed è uno dei miei argomenti di discussione preferiti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Utilizziamo servizi di terze parti per analizzare il traffico sul nostro sito e restare in contatto con i nostri visitatori. Vengono quindi trattati dati di navigazione, indirizzi IP anonimizzati e altri dati simili per mezzo di cookie, come indicato nelle nostre policy. Accettando l’uso dei cookie ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.