Formula 1Gran Premio GermaniaGran Premio Toscana

Mugello e Nürburgring: possibile il bis!

Le trasferte intercontinentali messe a serio rischio dal Covid potrebbero dare una seconda chance ai due tracciati già impiegati l’anno scorso

L’incertezza legata al Cvid-19 non permette alla Formula 1 di avere certezze sul calendario dopo la chiusura della stagione europea

Dopo la sostituzione del Gran Premio del Canada con il Gran Premio di Turchia il calendario di Formula 1 dovrebbe procedere senza particolari sorprese sino alla sedicesima tappa, in programma il 26 settembre a Sochi. Da lì iniziano le incertezze. Il circus infatti dovrebbe lasciare l’Europa alla volta dell’Asia, per le trasferte di Singapore e Suzuka, gare al momento confermate, ma su cui si hanno poche sicurezze.

Sebbene manchino più di quattro mesi, per la Formula 1 è già tempo di decidere perchè lo sforzo logistico nel caso non è poco e va organizzato con anticipo. Dopo le due tappe asiatiche la Formula 1 dovrebbe sbarcare in America, per le gare in Messico, Stati Uniti e Brasile. A novembre, invece, è previsto il recupero del GP d’Australia, prima del back-to-back finale Arabia Saudita-Abu Dhabi in programma a dicembre. Ad eccezione delle gare in Medioriente, gli altri sono tutti eventi a forte rischio.

MUGELLO E NURBURGRING VALIDE ALTERNATIVE

Ecco perchè Liberty Media ha già messo al vaglio delle alternative, nello specifico Mugello e Nürburgring. I due circuiti anche l’anno scorso utilizzati per rimpiazzare Gran Premi lontani dall’Europa hanno ricevuto parecchi consensi da parte di piloti e tifosi. L’unica incognita legate a queste piste è il meteo, ma in Europa trovare alternative con un clima più mite in quel periodo è difficile.

LIBERTY SPINGE PER AVERE ALMENO UNA GARA IN AMERICA

Discorso diverso per le gare in America. Liberty Media vorrebbe tanto il ritorno del GP degli Stati Uniti dopo l’assenza del 2020, per cui se Messico e Brasile dovessero dare forfait, possibile l’inserimento di un seconda tappa sempre negli USA. Dove? Ad Indianapolis, nel vecchio circuito interno all’ovale. Al momento però è solo un’ipotesi. Possibile invece un secondo GP a in Bahrain qualora non si potesse correre a Melbourne.

Gabriele Gramigna

Mi chiamo Gabriele, sono un ragazzo molisano e studio chimica all'università di Padova. Dal 2018 scrivo per F1World, cercando di trasmettere la mia passione per la Formula 1 in tutti i miei articoli.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.