DichiarazioniFormula 1

Sainz: “L’Europa è ancora il cuore della Formula 1”

Nonostante nel calendario trovino spazio venue sempre più lontane, per lo spagnolo il Vecchio Continente continua ad essere il fulcro della Massima Serie

Per il pilota della Ferrari Carlos Sainz Jr. l’Europa rappresenta ancora il cuore pulsante della Formula 1

Sin dal proprio ingresso nel mondo della Massima Serie, il colosso statunitense non ha mai nascosto l’idea di voler esportare uno sport “europeo” come la Formula 1 in tutto il mondo. Calendario alla mano, si potrebbe quasi dire che l’obbiettivo sia stato raggiunto. Di ventidue appuntamenti in programma per il 2021, ben dodici verranno disputati al di fuori del Vecchio Continente. Dal prossimo anno inoltre l‘ingresso del GP di Miami e quello del Vietnam arricchirà il numero di venue “fuori casa”. Eppure, secondo il pilota della Ferrari Carlos Sainz Jr. il cuore della Formula 1 risiede ancora in Europa.

Secondo lo spagnolo infatti gli organizzatori e detentori dei diritti del Circus avrebbero chiarito con i piloti che, nonostante l’“allargamento degli orizzonti”, il fulcro dell’azione resterà concentrato in Europa. “Bisogna separare le due cose” – ha dichiarato il madrileno ai microfoni di mundomadrileno.com -“Avere un GP di casa non ha nulla a che fare con l’intenzione della Formula 1 di competere in altri continenti. Formula 1 ha specificato ai piloti che il cuore delle corse rimane sui circuiti old-school. Spa, Barcellona, Silverstone. E’ chiara l’intenzione di voler continuare a gareggiare su questi circuiti“.

Proprio il Circuit de Catalunya sembrerebbe, tra i circuiti europei, il più vicino al pensionamento. “Il perché il GP di Spagna non abbia ancora trovato la quadra con i responsabili della Formula 1 è un discorso completamente differente”. Parlando sempre della gara di casa, lo spagnolo crede che le modifiche apportate alla pista riescano a riconquistare l’attenzione dei fan.

“Ci sono stati dei cambiamenti che potrebbero cambiare tutto quello a cui siamo abituati. Venerdì studieremo i dati per capire come le cose siano cambiate e trarre le nostre conclusioni. Dopo potremo capire che tipo di gara ci aspetta. Sembra un GP interessante e credo sarà molto piacevole sia per noi in pista che per i tifosi a casa”. 

 

Matteo Tambone

Mi chiamo Matteo, studente magistrale di Fisica presso l'Università Federico II di Napoli. Velista e windsurfer, mi piace considerarmi uno sportivo a tempo pieno. Appassionato di Motorsport in tutte le sue forme, seguo la Formula 1 da sempre ed è uno dei miei argomenti di discussione preferiti.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.