DichiarazioniFormula 1Trending Stories

Mick Schumacher, e se il cognome non basta?

Il tedesco sulla carta sembrerebbe avere solo la Haas potenzialmente come carta per il prossimo anno

Il futuro di Mick Schumacher in Formula 1 non è così certo. Il pilota tedesco vorrebbe rimanere in Haas, ma se ne riparlerà nella pausa estiva

Alle volte un cognome pesante non è di aiuto. Magari all’inizio sì, ma poi il 23enne si è sudato ogni singolo risultato. Il futuro del tedesco è incerto. Mick Schumacher potrebbe non trovarsi ai nastri di partenza del Mondiale 2023 di Formula 1. Il figlio d’arte vorrebbe correre ancora con la Haas per rimanere in orbita al mondo Ferrari.

Nonostante Vettel, amico e mentore di Schumi Jr, abbia consigliato Mick ai vertici di Aston Martin come suo sostituto, la scuderia inglese ha preferito affidarsi all’esperienza di un pilota ben più esperto come Fernando Alonso.

Il confronto con Magnussen potrebbe pesare sul rinnovo

Dopo la stagione di apprendistato dove le Haas erano in lotta solo ed esclusivamente tra loro, il tedesco, dopo tredici gare sta letteralmente perdendo il confronto col suo compagno di squadra. Mick Schumacher occupa attualmente la quindicesima posizione nel Mondiale piloti con 12 punti mentre il suo teammate, Kevin Magnussen è undicesimo con 22 punti all’attivo.

Il pilota tedesco, che sulla carta sembrerebbe avere solo la Haas come potenziale carta per il prossimo anno, dovrà negoziare con attenzione il suo rinnovo nelle prossime settimane.

Per mio nipote Mick, l’Aston Martin sarebbe stata una buona opzione – ha raccontato Ralf Schumacher ai colleghi di Sky Deutschland – Le sue prestazioni sono migliorate in modo significativo nelle ultime settimane, sta facendo un buon lavoro e credo che ci siano i migliori presupposti per sperare che le loro strade possano proseguire assieme.
Nel caso volessero prendere un altro pilota, non so a chi possa rivolgersi Haas. Non ci sono molti piloti liberi con esperienza sul mercato e i rookie, lo abbiamo già notato, hanno bisogno di tempo per adattarsi alle monoposto non potendo svolgere test“.

Tensioni tra pilota e team?

Il futuro in Haas di Mick Schumacher, nonostante le parole di Ralf, non è scontato. Secondo alcune indiscrezioni i colloqui riguardanti il futuro in Haas del tedesco sarebbero già iniziati da alcune settimane.
A pesare sulla decisione potrebbe essere il rapporto difficile tra le parti. In questa stagione, infatti, il boss della scuderia americana, Gunther Steiner, si è mostrato pubblicamente molto critico nei confronti del figlio d’arte.

L’unione con la Ferrari limita la scelta

Alcuni rumors che arrivano direttamente dalla Germania affermerebbero che Mick Schumacher rischierebbe di perdere anche il supporto da parte della Ferrari, in quanto membro della Driver Academy.
Con la Williams che per questioni motoristiche ovviamente preferirà un pilota in orbita Mercedes, per prendere il posto di Latifi, l’unica possibilità del tedesco, oltre alla Haas, sembrerebbe essere Alpha Tauri.

Il rinnovo di Tsunoda non è ancora stato deciso ma, appena inizieranno i colloqui per noi è il numero uno sulla lista col quale trattare – ha raccontato Helmut Marko a f1-insider.com – Non abbiamo mai parlato con Mick Schumacher, semplicemente perché è uno dei piloti della Ferrari Driver Academy“, ha concluso.

Eleonora Ottonello

Mi chiamo Eleonora e sono di Genova. Scrivo per passione, nella vita di tutti i giorni sono un'educatrice cinofila. Non ho paura di dire (forse è meglio dire scrivere) quello che penso. Per me la sincerità e la franchezza sono alla base di ogni rapporto umano. Sono pignola e puntigliosa ma disordinata e pasticciona allo stesso tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.