DichiarazioniFormula 1

Marko: “Perez e Verstappen sono allo stesso livello”

Dopo aver visto i passi gara dei piloti Red Bull, Marko crede che il pilota messicano e quello olandese siano allo stesso livello

Nonostante il primo weekend stagionale sia iniziato in salita, Marko crede che Perez sia allo stesso livello di Vertsappen

Nel primo GP stagionale, che coincideva anche con la prima gara di Perez in Red Bull, il messicano ha dato prova della sua solidità. Non è stato un weekend semplicissimo, ma i vertici del team sono entusiasti dei risultati ottenuti. In qualifica ha conquistato l’11esima posizione, mancando di poco l’entrata nella Q3. Invece, domenica, è stato costretto a partire dalla pit-lane a seguito di un problema riscontrato durante il giro di formazione. Nonostante la gara fosse iniziata in salita, il nuovo arrivato è riuscito a mettere in mostra i suoi punti di forza risalendo la classifica, sorpasso dopo sorpasso.

Il messicano non è certo passato inosservato agli occhi del consigliere austraico, che ha sottolineato il suo rapido adattamento alla macchina. Dopo aver analizzato i passi gara dei due piloti, ha evidenziato la loro somiglianza. Ai colleghi di Formel1, Helmut Marko ha così riferito: “La velocità in gara di Perez è allo stesso livello di Verstappen. Quando aveva aria pulita, ha fatto gli stessi tempi. Fin qua tutto bene. Purtroppo non è stato così anche in qualifica”.

Marko ha spiegato dove Perez avrebbe potuto migliorare per avvicinarsi al compagno, ma è sicuro che riuscirà ad ottenere tempi simili a quelli di Verstappen negli appuntamenti futuri. Infatti, ha continuato: “La cosa positiva è stata che ha perso la maggior parte del tempo in curva 1. Già durante i test era così. Nel settore 3 era mediamente più veloce di Max. L’unico problema è che dovrà mettere insieme il giro completo. Siamo però convinti che sarà molto vicino all’olandese anche in qualifica”.

MARKO: “TSUNODA É UN DIAMANTE GREZZO”

L’osservato speciale in casa Red Bull è stato il giovanissimo talento giapponese, che ha fatto il suo esordio domenica in Formula 1. Stiamo parlando del rookie Yuki Tsunoda, che ci ha regalato spettacolari lotte con i veterani della Massima Serie. Il pilota dell’AlphaTauri ha avuto una qualifica difficile, ma in gara è riuscito ad entrare in zona punti.

Il consulente austriaco chiede calma e pazienza per dargli modo di crescere prima di dargli la possibilità di entrare in Red Bull. Ai colleghi ha così dichiarato: “Aspettiamo e vediamo. Abbiamo corso solo la prima di 23 gare, dobbiamo vedere come si sviluppa. Abbiamo un incredibile diamante grezzo. Vedremo la sua evoluzione e prendere le nostre scelte in modo tempestivo”.
Troppo presto per fare giudizi, vero, ma come dice anche il proverbio “chi ben comincia è a metà dell’opera”.

Chiara De Bastiani

Sono Chiara, ho 20 anni e studio scienze e tecniche psicologiche. Sono appassionata di motori e il mio amore per la Formula 1 è cresciuto piano piano insieme a me. Infatti, la seguo sin da quando ero piccolina, grazie a mio papà. Ho molte altre passioni e interessi che coltivo tra cui la danza, i viaggi, la montagna, la musica e l'arte. Sono un'inguaribile sognatrice che spera un giorno di poter lavorare in questo mondo fatto di passione, motori ed emozioni.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.