Formula 1

Marko infastidito dai test Renault al Red Bull Ring

Al consigliere della Red Bull non è andato giù il fatto che alla Renault sia stata concessa come pista il Red Bull Ring per i test svolti martedì.

Renault ha svolto una giornata di test al Red Bull Ring, con Daniel Ricciardo ed Esteban Ocon in vista del via della stagione 2020. Una mossa che a Helmut Marko non è piaciuta…

Nella giornata di martedì, la Renault è tornata in pista per la prima volta dopo mesi di stop causa Covid-19. Il team anglo-francese, ha scelto come sede per questa giornata di test il Red Bull Ring, portando la RS18 la monoposto del 2018, a disposizione di Daniel Ricciardo ed Esteban Ocon affinché riprendano confidenza con una vettura di Formula 1 reale, ed allenassero il proprio fisico prima del via del Mondiale che avverrà nel primo fine settimana di luglio, proprio sul circuito austriaco. Una mossa che a Helmut Marko non è piaciuta

Al consigliere della Red Bull, non è andato giù il fatto che la Renault, sia scesa in pista su un circuito che fa parte del Mondiale. Ma per il team di Enstone, l’Austria rappresentava l’unica opzione dato che sia in Francia sia in Gran Bretagna, lo staff inglese e francese avrebbero dovuto osservare 14 giorni di isolamento prima di procedere con qualsiasi attività nel paese scelto. Motivo per cui hanno deciso di prendere in affitto il Red Bull Ring per questa giornata di test, a poche settimane dal via della stagione 2020. Un privilegio concesso ad un team rivale, che per Helmut Marko, non va bene.

HELMUT: “UN GESTO GENEROSO…”

Red Bull decise di rompere ogni rapporto di partnership e fornitura dei motori con la Renault a fine 2018, al termine di un matrimonio piuttosto burrascoso. Marko non capisce il perché sia stato dato il permesso alla Renault di provare nella pista di proprietà della Red Bull, mentre il team diretto da Christian Horner non ha potuto beneficiare del proprio circuito per svolgere un test. Tra i motivi, c’è anche da dire che per questi test, per essere validi si dovrebbe usare una monoposto del 2018, che per quanto riguarda la Red Bull, la RB14 era spinta da power unit Renault, mentre ora sono forniti dalla Honda.

Un risultato notevole per il progetto Spielberg, l’aver affittato la pista ad un team rivale. Diciamo che è stato un gesto generoso,” ha commentato Marko, in modo cinico, come ormai abbiamo imparato a conoscere, rilasciando una dichiarazione alla rivista tedesca Speed Week.

Red Bull, d’altro canto ha organizzato un filming day per Alpha Tauri a Imola, per la prossima settimana, una delle piste candidate a far parte del calendario 2020, insieme al Mugello per quanto riguarda l’Italia.

Pubblicità

Giorgia Meneghetti

Mi chiamo Giorgia, nata nel 1986, e residente a Fermo nelle Marche. Diplomata in Perito del Turismo, e con ottime conoscenze di lingue straniere: Inglese, Francese, Spagnolo. La Formula 1 è una delle mie più grandi passioni, che seguo dal 1998. Grazie ai suoi protagonisti, piloti, monoposto, team ne sono rimasta talmente stregata, tanto da spingermi a scrivere, raccontarla e viverla attivamente, sognando e sperando di poter un giorno incontrarli, e diventarne parte, e magari in un lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button