Formula 1

La Chadwick ottiene uno sponsor e debutta in Prema

Il test driver della Williams ad agosto correra con il team vicentino in Formula Regional

David Dicker, boss della Rodin Cars, ha deciso di aiutare la giovane inglese nella scalata alla Formula 1

Il terzo pilota della Williams, fresca vincitrice della prima edizione della W Series, Jamie Chadwick, ad agosto debutterà in Formula 3 Regional col team Prema. La Chadwick spera di fare un bel campionato per poter debuttare in Formula 3 o addirittura in Formula 2.

“È davvero un sogno diventato realtà”, ha detto Jamie Chadwick alla BBC Sport. “Se avessi un budget inferiore non potrei correre con una squadra di spicco come Prema e non potrei avere le migliori possibilità di mettermi in luce e sperare in un futuro in Formula 1.  La cosa spaventosa con il motorsport è il sostegno finanziario richiesto. È una cosa folle, ma è così eccitante avere avuto l’opportunità di farlo con Prema”.

“Per guidare in Formula 3, ad esempio, dovresti disporre del doppio di quanto ho ottenuto vincendo la W Series (un premio pari a 500.000 dollari, ndr). Jamie Chadwick ha testato un’auto della Rodin in Nuova Zelanda a marzo. La sua performance pare abbia convinto David Dicker, il boss multimilionario. “Jamie è un talento eccezionale“, ha confermato. “Stiamo adottando una visione a lungo termine nel sostenere pienamente il suo viaggio verso la Formula 1”.

La giovane pilota inglese ha anche rivelato di non poter effettuare il test a causa della crisi globale che ha mandato in frantumi i suoi piani. “Sono stato bloccata in Nuova Zelanda”, ha detto.

“E’ stata una decisione piuttosto complicata: ero in volo quando ho scoperto che sei ore dopo l’atterraggio in Nuova Zelanda bisognava rimanere in quarantena per 14 giorni e che non sarei potuta andare. A dire il vero è stato un momento utile. È stato un po ‘un peccato che siamo stati bloccati – guidare le auto tutto il giorno sarebbe stata una bella vita – ma purtroppo non sono riuscito a farlo”.

“Ad ogni modo è stato il momento più emozionante della mia carriera poter stringere un accordo del genere. Ogni anno sono andata a correre e ho sempre avuto quell’incertezza, su cosa avrei potuto fare l’anno successivo, ma ora ho una struttura e un grande supporto alle spalle e posso concentrarmi meglio sul rendimento in pista”.

Pubblicità

Gabriele Gramigna

Mi chiamo Gabriele, sono un ragazzo molisano e studio chimica all'università di Padova. Dal 2018 scrivo per F1World, cercando di trasmettere la mia passione per la Formula 1 in tutti i miei articoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button