Curiosità dalla F1Formula 1

Il nuovo record che non renderà felice Lewis Hamilton

Pochi giorni fa il pilota della Mercedes ha battuto un primato che apparteneva a Max Verstappen

Hamilton ha battuto l’ennesimo record nella sua immensa carriera, sfilandolo a Verstappen. Peccato, però, che non lo farà sorridere più di tanto

Da quell’ormai lontano 18 marzo 2007, giorno del debutto, Sir Lewis in Formula 1 ne ha fatta parecchia di strada. Il britannico non è solo il detentore di maggior vittorie, pole, podi e titoli mondiali (assieme a Schumacher), ma ha da poco “soffiato” un altro primato a colui che nel 2021 lo ha battuto: Max Verstappen. Tutto molto bello, se non fosse che il record in questione superato da Hamilton non è da classificare tra quelli di cui andar particolarmente fieri. Ebbene sì, perchè il pilota della Mercedes ha infatti superato la più lunga striscia di giorni senza vittorie (502) precedentemente detenuta dall’olandese (Spagna 2016 – Malesia 2017).

Il 23 aprile questo lasso di tempo è stato ufficialmente oltrepassato da Hamilton, dal momento che è dal GP dell’Arabia Saudita del 2021 che non sale sul gradino più alto del podio. E per il nativo di Stevenage, purtroppo, il digiuno sembra destinato ad allungarsi ancora, causa i deficit che Mercedes paga rispetto a Red Bull. Occorre però ricordare che, nel 2022, le Frecce d’Argento hanno sì conquistato una vittoria, in Brasile, ma con George Russell. Ciò ha troncato definitivamente le possibilità per Hamilton di battere un altro record: vincere almeno una gara in ogni stagione a cui ha preso parte.

Mercedes fa marcia indietro: Allison si riprende il ruolo di Direttore Tecnico

Difficilmente questa striscia potrà essere interrotta, complice un inizio di stagione deludente. Per questo la squadra anglo-tedesca ha deciso di apportare dei cambiamenti: tra questi a spiccare è sicuramente il ritorno di James Allison come Direttore Tecnico. L’ingegnere britannico torna, quindi, nel ruolo già in precedenza ricoperto dal 2017 al 2020, salvo poi lasciare per far posto a Mike Elliott.

Lo stesso Allison è convinto che Mercedes possa sicuramente tornare a battagliare per le prime posizioni, anche se chiaramente ci vorrà del tempo. “Al momento vogliamo concentrarci sulle aree della vettura che possiamo sviluppare. Chiaro che più velocemente riusciremo a farlo e più possibilità avremo di lottare”, ha detto a F1 Nation Podcast. Il DT del team di Brackley è consapevole della forza della squadra di Milton Keynes, ma comunque fiducioso: “Sappiamo esattamente quale sia il valore della Red Bull. – continua Allison – Per noi rappresenta un ulteriore stimolo, poichè li consideriamo come un avversario estremamente valido che vogliamo raggiungere e, ovviamente, superare”.

Martina Luraghi

Amante dello sport: a primeggiare sono ovviamente i motori, ma anche il calcio e un pizzico di tennis. Tra gli altri interessi spiccano la musica e tutto ciò che riguarda il Giappone, da cui nasce la mia voglia di viaggiare. Il mio grande obbiettivo è far diventare la mia passione un vero e proprio lavoro, arrivando a girare per i paddock di tutto il Mondiale di Formula 1. "Believe it." è da sempre il mio motto che rispecchia il mio carattere ambizioso e la determinazione che ho nel raggiungere i miei sogni. Può sembrare banale, ma voglio svegliarmi la mattina essendo felice perchè faccio quello che amo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio