DichiarazioniFormula 1Gran Premio Brasile

“Hulkenberg in Formula 1 più di quanto avrebbe dovuto”

Secondo Jacques Villeneuve, il pilota Renault si dovrebbe ritenere fortunato per essere stato così a lungo nella classe regina del Motorsport

Una carriera non proprio rose e fiori per il tedesco Hulkenberg, che al termine di questa stagione metterà fine alla sua avventura in Formula 1

Hulkenberg ha fatto il suo debutto in Formula 1 nel 2010 sul sedile della Williams, che poi lo ha scaricato appena un anno dopo.
Nel 2012 si è così unito alla Force India, per poi approdare alla Renault, suo attuale team, nel 2016.
Come sottolinea planetf1.com, la scuderia di Enstone ha già da tempo reso nota l’identità dei piloti che scenderanno in pista con la nuova stagione nel 2020. Si tratta di Daniel Ricciardo, con un contratto rinnovato, e di Esteban Ocon, preferito allo stesso Hulkenberg.

VILLENEUVE NON HA MOSTRATO COMPASSIONE

Nico è stato dunque vittima delle contingenze e anche di un team che non ha creduto in lui. Ritrovatosi senza un sedile su cui poter gareggiare, si è visto costretto ad abbandonare il Circus.
Jacques Villeneuve non è sembrato mostrare compassione per il tedesco: “Anche lui sa benissimo che la sua carriera in Formula 1 è durata più del dovuto” – ha dichiarato il canadese a GPBlog.

E Jacques non si è nemmeno risparmiato qualche commento pungente e ben poco diplomatico sul conto del tedesco: “E’ stato molto fortunato a essere pagato per ogni gara disputata. È anche consapevole del fatto che la sua carriera in Formula 1 è finita e che non ci sarà la possibilità di un ritorno in futuro” – ha sottolineato.
Secondo l’ex pilota, in tutto questo tempo in Formula 1, Hulkenberg non avrebbe infatti dimostrato particolari abilità o ambizioni degne di nota.

E’ meglio correre il rischio con qualcuno su cui si nutrono dei dubbi piuttosto  che con una persona che in dieci anni non ha dimostrato niente” – ha concluso Villeneuve molto francamente.

HULKENBERG CERCA FORTUNA IN INDYCAR

Il pilota sta cercando un team a cui si possa unire per il campionato di IndyCar nel 2020. Ha già dichiarato però di volersi dedicare eventualmente solo alle corse su strada, in quanto non amante della pista ovale.
Se questo progetto non dovesse andare in porto, per Hulkenberg significherebbe anno sabbatico forzato.

Topics
Pubblicità

Erika Mauri

Metà brianzola e metà romana, sono laureata in Lingue e attualmente studentessa magistrale di Linguistica applicata nella capitale; da sempre amo scrivere e lavorare con la lingua italiana in tutte le sue forme. Mi definisco una persona dinamica, intraprendente, coraggiosa e amante delle sfide, faccio della mia capacità organizzativa e del problem solving due delle mie qualità migliori, insieme alla facilità di collaborare con altri in gruppo e a un pizzico di anticonformismo. Amo viaggiare e sono appassionata di tecnologia, cinema, musica, lettura e, ovviamente, di Formula 1.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close