DichiarazioniFormula 1

Horner: “Hamilton contro Verstappen, guerra tra generazioni”

Il team principal Red Bull considera il britannico come il rivale più temibile anche per gli anni a venire

Hamilton sembra indirizzato verso un contratto faraonico con la Mercedes, con la quale fronteggerà la nuova generazione di piloti

Con la ‘young wave’, o nuova generazione, pronta a prendersi tutto il palcoscenico di questo decennio di Formula 1, la vecchia guardia dei piloti nati negli anni ’80 rischia di rimanere sguarnita. Il futuro di Sebastian Vettel nel Circus è ancora avvolto nel limbo dell’indefinito, così come quelli di Valtteri Bottas e Daniel Ricciardo. L’impressione, dunque, è che di qui a pochi anni saranno i piloti nati nella seconda metà degli anni ’90 a spadroneggiare. Un pungolo in più per Lewis Hamilton, che lo scorso 7 gennaio ha festeggiato 35 anni. Tanti? Solo dal punto di vista anagrafico, visto che ad Abu Dhabi il 6 volte iridato aveva puntualizzato di sentirsi come un ventenne.

SCONTRO GENERAZIONALE

Saranno dunque Verstappen e Leclerc i più accaniti rivali del pilota Mercedes, che però non ha alcuna intenzione di gettare la spugna sulla Formula 1, nonostante i molteplici interessi al di fuori delle corse. Con Red Bull e Ferrari legate a doppio filo ai propri uomini chiave – rispettivamente Verstappen e Leclerc, entrambi detentori di accordi impostati sul lungo termine – per il britannico l’unica via plausibile sembra quella verso un altro rinnovo faraonico con la casa della Stella, che sarebbe disposta a sborsare circa 90 milioni di euro per assicurarsi i suoi servigi fino al 2022. Alla faccia dell’austerity, che sembrava dovesse imporsi da quando nel board Mercedes si è insediato Ola Källenius!

Tra gli ‘ammiratori’ di Hamilton ce n’è uno speciale: si tratta di Christian Horner. Il team principal Red Bull ha lodato l’attitudine del pilota britannico, che dovrà vedersela con due rivali più giovani di quasi 13 anni. “Nel nostro sport ci sono periodi dove prende il sopravvento una nuova generazione – ha dichiarato Horner a Motorsport.come direi che adesso è il momento in cui si sta verificando. Sarà interessante vedere come Lewis affronterà la guerra con Max e Charles. La dinamica è un po’ quella che vede contrapposti i giovani talentuosi ai vecchi volponi che conoscono tutti i trucchi del mestiere”.

RITIRO? NO, PER ADESSO

Hamilton, dal canto suo, ha rimarcato la volontà di rimanere nel Circus. A questo punto, in chiave mercato, il suo rinnovo con la Mercedes dovrebbe essere questione di tempo (ancora impossibile, però, quantificarlo). “Non penso al ritiro – ha detto il nativo di Stevenage, secondo quanto riporta planet.f1 Il mio coinvolgimento nel mondo della moda mi serve per tenermi aperte delle strade da percorrere una volta che sarà finita la mia avventura in Formula 1. Ma la mia mente adesso è focalizzata qui e sapere di combattere con piloti più giovani di me mi infonde ancor più motivazioni”

 

 

Topics
Pubblicità

Luca De Franceschi

Sono Luca, studio Lettere e seguo la Formula 1 da una decina d'anni. Mi sono appassionato a questo sport durante l'era dei successi di Michael Schumacher con la Ferrari, per poi assistere alle prime vittorie di Fernando Alonso, Lewis Hamilton e Sebastian Vettel. A casa ho diversi DVD sulla storia di questo sport, che mi hanno fatto conoscere i piloti e le auto del passato. Ho anche la passione dei kart, sui quali ogni tanto vado a girare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close