DichiarazioniFormula 1

Horner: “Aspettiamoci più errori dai piloti”

Secondo il team principal della Red Bull l’inattività prolungata comporterà più incidenti del normale

Per Christian Horner i piloti potranno risentire di questa astensione forzata dalle corse e secondo il team principal della Red Bull ciò si tradurrà in più errori e più incidenti

Che la pratica renda perfetti, si sa, è un detto non sempre veritiero. Se la sua assenza però può comportare conti salati dal carrozziere, allora sarebbe meglio darsi subito da fare. E’ questa l’opinione di Christian Horner, il team principal della Red Bull, che si è scherzosamente detto preoccupato per i possibili danni procurati dai piloti al loro rientro. “Credo questo sia il periodo più lungo che i piloti abbiano speso fuori dalle monoposto – ha dichiarato il britannico ai microfoni del The Guardian – “e ciò potrebbe anche essere positivo sotto certi aspetti. Se però dovessimo riprendere le corse a luglio, credo che saranno tutti tremendamente arrugginiti. Dovremmo aspettarci un sacco di incidenti!“.

“E’ una situazione inusuale sia per i piloti che per gli altri membri dei team quella che stiamo affrontando, specialmente il dover attendere in un periodo nel quale staremmo normalmente gareggiando” – spiega Horner. “Il nostro lato competitivo brama il ritorno alle corse. Credo questo sia il periodo più lungo che abbia mai trascorso fuori dalla pista da quando avevo 12 anni. Sicuramente è il lasso di tempo più lungo nel quale sia rimasto in un unico posto dalla fine del mio periodo scolastico. Solo quando non hai la possibilità di fare una cosa per molto tempo capisci quanto la ami e quanto questa ti manchi”.

IL LATO POSITIVO

Se da un lato Horner non vede l’ora di tornare a competere, dall’altro sfrutta le nuove possibilità che la quarantena gli ha fornito. “Questa esperienza ti porta ad apprezzare maggiormente le persone che hai attorno, soprattutto le più vicine. Situazioni come questa ti danno da pensare, perché il virus può colpire chiunque e non c’è niente di più prezioso della vita stessa”. L’ex-pilota di Formula 2 britannica dedica gran parte del suo tempo ai suoi due figli avuti con la cantante delle Spice Girls Geri Halliwell: “Il lato positivo è che posso stare maggiormente con loro, ci sono più “momenti bagnetto” e più favole della buonanotte che in una normale settimana di lavoro. I bambini lo adorano!”.

Il manager di Leamington Spa ritiene però fondamentale rimanere in contatto con gli altri componenti del team. “Stiamo provando qualsiasi espediente per restare in contatto” – spiega Horner – “Da classi fitness online a giochi di società. E’ molto importante mantenere alto il morale e soprattutto l’idea di squadra. La nostra forza come tale è quella di gestire sempre insieme i cambiamenti“. Mentre assolve ai suoi doveri da team leader Horner non trascura neanche i vecchi membri, come testimonia la sua recente videochiamata con l’ex-pilota David Coulthard: “Recentemente ho avuto un FaceTime con DC. Non l’avevamo mai fatto. Devo dire che sta sfoggiando una barba molto marinaresca…”

Pubblicità

Matteo Tambone

Mi chiamo Matteo, sono uno studente di Laurea Triennale in Fisica presso l'Università Federico II di Napoli. Velista e windsurfer, mi piace considerarmi uno sportivo a tempo pieno. Appassionato di Motorsport in tutte le sue forme, seguo la Formula 1 da sempre ed è uno dei miei argomenti di discussione preferiti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button