DichiarazioniFormula 1Gran Premio Austria

Formula 1: si inizia il 5 luglio con il Gran Premio D’Austria

Il Circus ritorna in estate iniziando dai Paesi europei. Carey spera che i fan possano tornare presto ad assistere a questo grande spettacolo

La Formula 1, oggi, ha aggiornato i fan sul nuovo programma a cui sta lavorando. Indica con sicurezza l’inizio della stagione il 5 luglio in Austria. Il Campionato Mondiale sarà quindi caratterizzato da 15 a 18 gare fino a Dicembre

Dopo la cancellazione del Gran Premio di Francia stamattina, la Formula 1 ha rilasciato una dichiarazione in cui assicura di avere molta fiducia nel poter iniziare la stagione quest’estate. “Il nostro obiettivo è iniziare a correre in Europa a Luglio, Agosto e all’inizio di Settembre. La prima gara si terrà in Austria nel fine settimana dal 3 al 5 luglio. A Settembre, Ottobre e Novembre gareggeremmo in Eurasia, Asia e l’America. Per concludere, si gareggerà nel Golfo Persico a Dicembre con il Bahrain, prima del tradizionale finale ad Abu Dhabi. Si effettueranno, così, tra le 15 e le 18 gare” ha annunciato il presidente della Formula 1, Chase Carey.

Il nuovo calendario della stagione 2020, è così strutturato:

  • 3-5 luglio: Austria;
  • Luglio, Agosto e inizio Settembre: Europa;
  • Fine Settembre, Ottobre e Novembre: Eurasia. Con tale termine si designano i Paesi che si trovano tra i due continenti come Russia, Asia e America.
  • Dicembre: Bahrain e Abu Dhabi.

Un’altra delle gare europee che dovrebbe disputarsi è il Gran Premio di Gran Bretagna. Proprio oggi Silverstone ha annunciato che se ci saranno le condizioni per poter effettuare la gara, questa si svolgerà a porte chiuse.

SILVERSTONE E BARCELLONA SI OFFRONO PER OSPITARE PIU’ DI UNA GARA

Carey assicura che pubblicheranno il calendario definitivo il prima possibile. Aggiunge poi che il primo Gran Premio europeo dovrà essere a porte chiuse, ma spera che i fan possano partecipare alle gare in seguito. “Dobbiamo ancora lavorare su molti problemi, come le procedure che i team dovranno applicare per entrare e lavorare in ogni paese” ha spiegato. C’è da ricordare che alcuni circuiti, come Silverstone e il Circuit de Barcelona-Catalunya, si sono offerti di ospitare più di una gara nelle loro strutture.

Si assicura che la salute e la sicurezza di tutte le persone coinvolte è la priorità. Si procederà solo se ci sarà sufficiente fiducia nel fatto che le procedure con cui lavorano li aiuteranno a eliminare i rischi. “Tutti i nostri piani sono ovviamente soggetti a cambiamenti, poiché abbiamo ancora molto su cui lavorare e dipendiamo tutti dall’evoluzione del Coronavirus. Non vediamo l’ora che i nostri fan possano ancora una volta condividere l’entusiasmo della Formula 1 con la famiglia, gli amici e l’intera comunità” ha affermato Carey per concludere.

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.

Utilizziamo servizi di terze parti per analizzare il traffico sul nostro sito e restare in contatto con i nostri visitatori. Vengono quindi trattati dati anonimi di navigazione e altri dati simili per mezzo di cookie, come indicato nelle nostre policy. Accettando l’uso dei cookie ci aiuti ad offrirti un’esperienza migliore con i nostri servizi.